mercoledì, Dicembre 20, 2023
HomeEmilia-RomagnaRavenna, inaugurato 'punto di cardio protezione' presso la sede della Prefettura

Ravenna, inaugurato ‘punto di cardio protezione’ presso la sede della Prefettura

(Sesto Potere) – Ravenna – 20 dicembre 2023 – Si è svolta il 19 dicembre alla presenza del Prefetto di Ravenna, Castrese De Rosa, l’inaugurazione del punto di cardio protezione presso il Palazzo della Prefettura.

L’importante strumento salvavita è stato donato dal Club “i Donatori con la Valigia” (nella persona della Dr.ssa Maura Baioni), un circolo che organizza viaggi e attività ricreative, con sede presso ADVS-Fidas di Ravenna.

L’intento della donazione è quello di proteggere sia i numerosi dipendenti della Prefettura, sia di rendere disponibile un ulteriore defibrillatore nel centro storico di Ravenna. Il dispositivo è stato installato nell’androne, al piano terra del Palazzo.

” Ringrazio – ha dichiarato il Prefetto Castrese De Rosa – il Dott. Stefano Pace, esperto di cardio protezione sul territorio nazionale che, insieme all’infermiere di area critica dell’Ausl AVR e Direttore di corso IRC Dott. Lorenzo Mohamed, si faranno carico anche dell’attività di formazione BLSD a 6 dipendenti della Prefettura “.

“In tema di implementazione della cardio protezione sul territorio nazionale – ha dichiarato Stefano Pace – sono state introdotte importanti novità, anzitutto l’introduzione del concetto dell’ottimale “equidistanza” dei defibrillatori da un punto di vista temporale, rispetto ai luoghi di potenziale utilizzo, al fine di consentire l’impiego del DAE prima del quarto minuto dal presunto arresto cardiaco, equivalente al tempo di gestione di una telefonata al numero di emergenza sanitaria, l’allerta e la partenza dell’equipaggio”.

E’ sempre più avvertita la figura di un esperto di progetti di diffusione di tali dispositivi salvavita. Di fatto non è sufficiente acquistare un DAE e formare uno sparuto gruppo di persone, ma il tutto va valutato alla stregua di diversi fattori ad esempio studio dei flussi di transito, accessibilità e distanze tra DAE, formazione di personale abilitato, conformità del territorio, distanza da presidi ospedalieri o postazioni 118, etc.