mercoledì, Gennaio 24, 2024
HomeEmilia-RomagnaDa Dubai a Forlì per risolvere le apnee ostruttive del sonno

Da Dubai a Forlì per risolvere le apnee ostruttive del sonno

(Sesto Potere) – Forlì – 23 gennaio 2024 – Faissal Saadeddine vive e lavora a Dubai (Emirati Arabi Uniti) e deve risolvere un problema di apnee ostruttive del sonno. Grazie al consiglio di noti medici del luogo, e a ricerche effettuate su Internet, scopre che all’ospedale “Morgagni – Pierantoni “ di Forlì esiste un centro riconosciuto a livello internazionale per questa tipologia di intervento. Contatta il dottor Andrea De Vito, Direttore della Unità Operativa di Otorinolaringoatria di Forlì, Ravenna, Faenza e Lugo e, in questi giorni, arriva in Italia, all’ospedale forlivese, dove viene operato con successo.

“Il Signor Saadeddine – spiega il dottor De Vito – ha scelto l’Ospedale Morgagni-Pierantoni di Forlì per eseguire l’intervento di Faringoplastica e Epiglottoplastica. Questi interventi vengono eseguiti per correggere le sedi di collasso durante le apnee ostruttive notturne, di cui il Signor Saadeddine è affetto. L’Unità operativa di Otorinolaringoiatria di Forlì, in cui ho lavorato da sempre sotto la direzione del Prof Claudio Vicini, e che ora dirigo, è un riferimento internazionale per il trattamento di questa patologia. In particolare, la faringoplastica con filo riassorbibile barbed viene sviluppata ed applicata da molti anni in questo ospedale. La Sindrome da Apnea Ostruttiva nel Sonno, altrimenti definita come OSAS, è un disturbo caratterizzato da pause nella respirazione durante il sonno, dovute all’ostruzione parziale o totale delle prime vie aeree. Si stima che circa 1 miliardo di persone nel mondo soffrano di apnee ostruttive del sonno e che circa 425 milioni di persone presentino forme moderate o gravi, che richiedono trattamenti specifici.”

“Sono molto contento di aver scelto questo ospedale – afferma il signor Saadeddine – e di essere stato operato dal dottor De Vito, che mi ha dimostrato subito grande disponibilità e professionalità”