mercoledì, Dicembre 27, 2023
HomeEmilia-RomagnaBotti di fine anno, intervento del coordinamento Romagna del Movimento Indipendenza

Botti di fine anno, intervento del coordinamento Romagna del Movimento Indipendenza

(Sesto Potere) – Forlì – 27 dicembre 2023 – Il Movimento Indipendenza,  soggetto politico di recente fondazione e la cui assemblea ha eletto Gianni Alemanno come segretario nazionale, a livello locale – attraverso un comunicato inviato dal coordinamento Romagna – ricorda a tutti i sindaci della Romagna che nei Comuni del nostro territorio sono in vigore le ordinanze che vietano di far esplodere botti e petardi di qualsiasi tipo, a tutela della salute di persone, animali e a salvaguardia dell’ambiente.

“E’ da tempo che, attraverso le campagne di sensibilizzazione, all’opinione pubblica è noto che l’attivazione di giochi pirotecnici petardi e
simili, può configurarsi come comportamento lesivo per la salute degli animali, sia quelli di affezione che vivono nelle nostre case, sia
quelli che abitano gli spazi naturali delle nostre città e del territorio di pianura, montano e collinare. Il divieto è normato nelle ordinanze territoriali, che vanno fatte rispettare attraverso rigidi e puntuali controlli e sanzioni adeguate. Avvicinandosi il Capodanno, si avvicina anche la notte che fa paura a tutti gli animali, e che impiega volontari delle associazioni animaliste, nel recupero di cani e gatti che fuggono impauriti, oltretutto correndo il rischio addirittura di morire a seguito di infarto o per incidenti. Auspichiamo che il 2023 tutti i comuni della Romagna abbandonino questa usanza, andando ad aumentare il già cospicuo numero di comuni italiani che l’hanno abolita”: scrivono in una nota congiunta Daniele Avolio (nella foto) – Segretario Movimento Indipendenza Romagna e Segretario Provinciale Rimini Movimento Indipendenza Romagna; Monica Garoia – Vice Segretario Movimento Indipendenza Romagna; Massimo Viroli – Segretario Provinciale Forlì – Cesena Movimento Indipendenza Romagna; e Ugo Viola – Segretario Provinciale Ravenna Movimento Indipendenza Romagna.

“Ricordiamo infatti inoltre che, in alcuni Comuni come quello di Cervia, è stata recentemente approvata l’istituzione della Protezione Civile
Animale, dipartimento necessario oggi, dopo i drammatici eventi alluvionali, ancora di più. Quindi chiediamo a tutti i Sindaci e agli Assessori alla Sicurezza dei Comuni di Romagna una seria riflessione affinché si possa istituire tale Ente in un numero di comuni sempre più crescente.
Inoltre con il presente comunicato intendiamo mettere in mora tutti i Sindaci dei comuni di Romagna e sensibilizzare i Prefetti a cui è
delegata la Direzione del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, affinché incarichino i Comandanti dei Corpi di Polizia di attivarsi
nel contrastare e sanzionare chi infrange la legge. Non è più sufficiente lavarsi la coscienza con la pubblicazione di Ordinanze Sindacali che vietano questa pratica incivile ma occorre prevedere seri controlli sul territorio dalle 21 fino alle 3 di notte in modo che la presenza di pattuglie della Polizia Locale, Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza oltre ad essere un deterrente diventi un momento di contestazioni per chi viola la predetta ordinanza”: aggiungono i dirigenti del Movimento Indipendenza.

Nella città di Forlì, come ogni anno non ci sarà nessuna ordinanza sindacale poiché il divieto d’accensione dei fuochi d’artificio è
permanente perché previsto nel Regolamento di Polizia Urbana.

“Ci aspettiamo però – concludono Daniele Avolio; Monica Garoia; Massimo Viroli; e Ugo Viola – seri monitoraggi e controlli in tutti i quartieri e non solo nel centro storico, e sanzioni contro chi viola la normativa. Non facciamo che anche quest’anno finisca a tarallucci e vino e a farne le spese siano sempre e solo i nostri animali di affezione e quelli che vivono liberi nelle campagne e nei territori collinari. Il Movimento Indipendenza è e sarà sempre dalla parte dei più deboli : non vorremmo il primo gennaio dover registrare dalla cronaca incidenti a persone, animali e beni materiali ed essere costretti a formulare un comunicato di denuncia e ricordarvi che tutto ciò lo avevamo previsto”.