martedì, Dicembre 5, 2023
HomeEmilia-RomagnaAlluvione, il generale Figliuolo in visita a Meldola

Alluvione, il generale Figliuolo in visita a Meldola

(Sesto Potere) – Meldola – 5 dicembre 2023 – Giovedì mattina, della scorsa settimana, la Città di Meldola ha ospitato la visita del Generale Francesco Paolo Figliuolo, Commissario Straordinario di Governo alla ricostruzione nei territori colpiti dall’alluvione di  maggio.

La Protezione Civile di Meldola, gli Alpini, i Bersaglieri, altre Associazioni e cittadini hanno accolto il suo arrivo in piazza Orsini.

Si è svolta poi una riunione tecnica nella Sala Consiliare del Comune di Meldola alla presenza del Prefetto di Forlì Cesena S.E. Rinaldo Argentieri, della Vice Presidente della Regione Emilia-Romagna Irene Priolo, del Presidente della Provincia Enzo Lattuca, dei Sindaci della vallata del Bidente Claudio Milandri (Civitella di Romagna), Francesca Pondini (Galeata) e Daniele Valbonesi (Santa Sofia).

Il Sindaco Roberto Cavallucci dopo aver dato il benvenuto al Generale ed a tutti gli ospiti, ha illustrato gli eventi occorsi e le necessità del nostro territorio, il bisogno di ulteriori risorse economiche (il Comune di Meldola ha ottenuto al momento circa 730.000 euro per le somme urgenze e 3.880.000 euro per i lavori di messa in sicurezza) e di personale da affiancare agli uffici comunali per la gestione dei lavori e per l’istruttoria delle pratiche di rimborso da fare nel più breve tempo possibile.

Il Generale, dopo aver rassicurato, si è recato a vedere alcune aree del nostro territorio; in particolare si è effettuato un sopralluogo sul ponte di attraversamento del Torrente Voltre posto sulla strada provinciale n. 48, irrimediabilmente danneggiato, per il quale è in previsione la ricostruzione.

La visita è proseguita nei territori dei Comuni di Civitella di Romagna e Galeata.

Il Sindaco Roberto Cavallucci ha commentato: “E’ stato un onore per Meldola accogliere ed ospitare il Generale Figliuolo e tutto il suo staff che hanno dimostrato, con la loro presenza, la vicinanza alle comunità dei territori danneggiati dall’alluvione.”