martedì, Novembre 28, 2023
HomeEmilia-RomagnaTariffa Rifiuti, i Verdi ad Alea: "il minimo è troppo alto, così...

Tariffa Rifiuti, i Verdi ad Alea: “il minimo è troppo alto, così non è puntuale”

(Sesto Potere) – Forlì – 28 novembre 2023 – “In questi giorni Alea sta inviando agli utenti le bollette per la gestione della raccolta dei rifiuti 2023, assieme ai conguagli 2022. Nelle lettere, giustamente, si sottolinea con grande evidenza quando l’utenza è stata attenta alla riduzione della produzione dei rifiuti, comparandola alla media. Nel caso di una famiglia con 5 componenti, ad esempio, la media di rifiuti indifferenziati prodotti è di 455 litri all’anno. “Grazie per il tuo impegno per il futuro”: si legge in grande evidenza nella bolletta chi è stato più attento… Peccato, però, che essere virtuosi non porti alle riduzioni di importo che sarebbe lecito sperare. Sempre tornando all’esempio, il numero di svuotamenti minimo fatturato da Alea è di 720 litri, quasi il 60% in più della media. In piccolo, anche se in grassetto, la bolletta riporta che: “il numero di svuotamenti fatturati non sarà mai inferiore a questo minimo”. Questo significa che tutti i cittadini coperti dal servizio, nella stessa situazione familiare, pagano come minimo il 60% in più per la quota variabile rispetto alla media. Se pensiamo poi che la raccolta puntuale serve a ridurre la quantità di indifferenziato, incentivando comportamenti virtuosi e innescando reti circolari di riuso, la delusione e la rabbia sono ancora maggiori”: a muovere queste considerazioni sono Maria Grazia Creta ed Alessandro Ronchi di Europa Verde Forlì (nella foto in alto).

“Da sempre – aggiungono i due – siamo a favore della raccolta domiciliare, che permette una riduzione dell’incenerimento, della discarica e potenzialmente importanti benefici economici dovuti alla riduzione dei costi di smaltimento, se la tariffa venisse calcolata correttamente. Non è un caso che il comune di Forlì abbia un 40% di rifiuto indifferenziato in meno rispetto alla vicina Cesena, secondo gli ultimi dati del catasto dei rifiuti, e quindi non si può dire nulla sulla buona volontà dei nostri concittadini e sul corretto funzionamento del sistema. Ma questi benefici vanno riversati sull’utenza, perché il principio del “paghi chi inquina” venga rispettato anche al contrario, per ridurre i costi dei comportamenti virtuosi”: insistono Creta e Ronchi .

“Un occhio di riguardo inoltre andrebbe soprattutto alle famiglie con bambini, visto che in questi casi non si fa distinzione a livello di componenti, mentre a nostro parere servirebbe un incentivo tariffario, specialmente per chi dimostra il suo impegno nella riduzione dei rifiuti”: concludono i due esponenti di Europa Verde Forlì.