martedì, Aprile 2, 2024
HomeEmilia-RomagnaPost alluvione, al via la manutenzione straordinaria dei torrenti Borello, Fanante...

Post alluvione, al via la manutenzione straordinaria dei torrenti Borello, Fanante e Pisciatello nel cesenate

(Sesto Potere) – Cesena – 2 aprile 2024 – Opere di manutenzione straordinaria per ripristinare le condizioni di deflusso di alcuni corsi d’acqua del cesenate, alterate dall’alluvione dello scorso maggio. Interessati, in particolare, sono i torrenti Borello, Fanante e Pisciatello. I lavori riguardano tratti fluviali che attraversano cinque comuni: Cesena, Mercato Saraceno, Montiano, Roncofreddo e Sarsina. Sono finanziati dalla Regione con 500mila euro complessivi, 250mila nel 2024 e altrettanti il prossimo anno.

I lavori sul torrente Borello sono iniziati da Campiano, nel comune di Sarsina, con l’obiettivo di rimuovere in un tratto di circa 500 metri di alveo le occlusioni e le alberature cadute, che riducono l’officiosità idraulica.

Proseguiranno, sempre sullo stesso torrente, tra le località Borello, nel comune di Cesena e Bora, nel comune di Mercato Saraceno. Qui sarà eseguito lo sfalcio selettivo della vegetazione, verranno rimosse le occlusioni, eseguite le riprofilature e ripristinate le difese in massi danneggiate dall’alluvione.

Sul torrente Fanante, nell’omonima località del comune di Sarsina, la manutenzione interesserà un tratto di circa 500 metri. Saranno smossi i sedimenti di ghiaia per riportare l’alveo del corso d’acqua nella sua sede originaria, sistemando le deviazioni provocate dall’alluvione.

Sul torrente Pisciatello, i lavori interessano il tratto collinare tra Calisese a Molino di Casale per ripristinare le erosioni della scarpata. Si rimuoveranno le occlusioni, saranno eseguite riprofilature e si procederà alla ricostruzione di difese in massi, oltre alle operazioni di sfalcio e taglio della vegetazione nei territori dei comuni di Cesena, Montiano, Roncofreddo.

Le opere sono curate dall’Ufficio di Forlì-Cesena dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile.

“Dopo l’alluvione, continuano i cantieri per la sicurezza di fiumi e corsi d’acqua, compresi quelli minori- afferma Irene Priolo, vicepresidente della Regione con delega alla Protezione civile-. Si tratta di un impegno importante, da perseguire con determinazione per il pieno ritorno alla normalità”.