martedì, Dicembre 12, 2023
HomeBolognaFedermanager Bologna, Ferrara e Ravenna: raccolta fondi per il Burkina Faso

Federmanager Bologna, Ferrara e Ravenna: raccolta fondi per il Burkina Faso

(Sesto Potere) – Bologna – 12 dicembre 2023 – In occasione delle festività natalizie Federmanager Bologna – Ferrara – Ravenna avvia una raccolta fondi a favore del Centro Missionario Francescano Onlus per il Progetto Burkina Faso, con l’obiettivo di portare elettricità e acqua potabile al Centro Medico San Massimiliano Kolbe di Sabou.

L’avvio della campagna benefica coincide con il tradizionale incontro promosso dall’associazione dei manager in occasione delle festività, in programma domenica 17 dicembre dalle 12.30 alle 16.00 all’Aemilia Hotel in via Zaccherini Alvisi 16 a Bologna. Dopo il brunch natalizio con associati e ospiti, avrà luogo la conferenza spettacolo “Ernest Henry Shackleton. L’eroe che sconfisse l’Antartide” di e con Paolo Colombo, professore ordinario di Storia delle istituzioni politiche presso la Facoltà di Scienze politiche e sociali dell’Università Cattolica di Milano, con i disegni dal vivo di Michele Tranquillini.

Il progetto Burkina Faso

Frati Minori Conventuali in 16 anni di missione in Burkina Faso hanno sviluppato in modo progressivo il Centro Medico S. Massimiliano Kolbe (CMMK) situato nel comune rurale di Sabou, provincia del Boulkiemdé, regione “Centro-Ovest” del Burkina Faso.

Il Centro Medico consta di un CREN (Centro nutrizionale), un Centro Medico (CM), un Centro Medico con blocco chirurgico (CMA) e un centro ospedaliero, come struttura di riferimento del distretto sanitario di Sabou per una popolazione di circa 107.000 abitanti. Mette a disposizione assistenza sanitaria applicando tariffe che tengano conto della povertà della popolazione; le prestazioni sono gratuite per le persone che non hanno capacità reddituale.

“Attualmente – spiega Massimo Melega, presidente di Federmanager Bologna – Ferrara – Ravenna – i servizi sanitari offerti dal Centro Medico sono limitati dalla mancanza di una rete elettrica fissa e di acqua potabile. L’obiettivo del progetto è proprio quello di aumentare la capacità e la qualità dei servizi offerti dal CMMK, ampliando le strutture, le attrezzature e le risorse umane così da permettere alla popolazione rurale un migliore accesso a cure di qualità.”

Le fasi necessarie per raggiungere l’obiettivo: acquisto e installazione di apparecchiature per collegare l’impianto del CMMK con la società elettrica dello stato; costruzione di un serbatoio di 5 mila litri; acquisto e installazione di una pompa solare.

I beneficiari diretti del progetto saranno 60 operai che lavorano nel Centro, beneficiaria indiretta l’intera popolazione dell’area sanitaria di Boulkiemdé, composta, come già accennato, da oltre 100mila persone.

Le donazioni possono essere effettuate via bonifico sul conto bancario aperto per la raccolta intestato a Sindacato Dirigenti Az. Ind. Federmanager Bologna – Ferrara – Ravenna – IBAN IT 26 L 05080 36760 CC0070680699. Causale: contributo beneficenza Progetto Burkina Faso.

Lo spettacolo

Il 1 agosto 1914 Sir Ernest Shackleton salpa da Londra accompagnato da ventisette uomini per lanciarsi nell’impresa di attraversare a piedi l’Antartide. Durante quell’odissea che durerà due lunghissimi anni, l’esploratore britannico e i suoi compagni vivranno avventure ai limiti dell’incredibile: il naufragio della nave Endurance, il bivacco tra i ghiacci, le peregrinazioni verso la terraferma, l’attraversamento di montagne e ghiacciai inesplorati.

Una storia avvincente ‒ fatta di determinazione, fiducia reciproca, ottimismo e capacità di adattamento ‒ che viene raccontata a parole da Paolo Colombo e disegnata dal vivo da Michele Tranquillini tramite i suoi suggestivi acquerelli. E che risponde a diverse domande: cosa vuol dire essere eroi? E quale idea di eroismo vogliamo per il tempo in cui viviamo? Che insegnamenti possiamo trarne nella nostra quotidianità?

Foto: Spettacolo “Ernest Henry Shackleton. L’eroe che sconfisse l’Antartide” di e con Paolo Colombo, con i disegni dal vivo di Michele Tranquillini.