venerdì, Dicembre 29, 2023
HomeEmilia-RomagnaConfartigianato Cesena: "Dl Energia bis, le pmi non debbono pagare per gli...

Confartigianato Cesena: “Dl Energia bis, le pmi non debbono pagare per gli energivori”

(Sesto Potere) – Cesena – 29 dicembre 2023 – “Il Dl Energia bis contiene un apprezzabile e condivisibile impegno a sostenere le fonti rinnovabili come soluzione per combattere il cambiamento climatico e per sottrarsi alla dipendenza dalle fonti energetiche tradizionali di importazione. Tuttavia permane un approccio sbilanciato che privilegia le grandi imprese energivore e penalizza le Pmi”.

Questo il giudizio espresso da Confartigianato, in audizione presso le Commissioni riunite Ambiente e Attività produttive della Camera, dai
rappresentanti di Confartigianato sulla conversione in legge del Dl 181/2023.

“In particolare, Confartigianato – mette in luce il Gruppo di Presidenza di Confartigianato cesenate composto da Stefano Ruffilli, Marcello Grassi e Daniela Pedduzza (nella foto in alto) – considera iniqua l’attribuzione agli oneri generali di sistema pagati in bolletta dalle piccole imprese e dalle famiglie dei costi per sostenere la produzione di energia rinnovabile delle grandi imprese energivore e la loro agevolazione. In questo modo nel 2024 si rischia un impatto di 970 milioni di euro a carico delle Pmi e di 650 milioni per i clienti domestici. La transizione energetica è un obiettivo di tutto il Paese e va perseguito secondo regole di proporzionalità nella partecipazione della collettività ai costi e agli investimenti richiesti dalle politiche pubbliche”.

“Inoltre, per quanto riguarda l’istituzione di un fondo per i programmi di de-carbonizzazione delle regioni il cui finanziamento viene posto a
carico dei titolari di impianti rinnovabili di potenza superiore ai 20 kW – conclude il Gruppo di Presidenza di Confartigianato cesenate – la
nostra associazione richiede una modifica per salvaguardare i piccoli impianti in coerenza con quanto previsto dal Pnrr a sostegno della
diffusione dell’autoproduzione tra le piccole imprese”.