lunedì, Dicembre 11, 2023
HomeEmilia-RomagnaAnche Forlì partecipa alla COP28, Petetta e Maltoni alla tavola rotonda...

Anche Forlì partecipa alla COP28, Petetta e Maltoni alla tavola rotonda sul clima

(Sesto Potere) – Forlì – 11 dicembre 2023 – Da Forlì in trasferta a Dubai per la 28° conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici.

Il Comune di Forlì, con il supporto e la compartecipazione di FMI-Forlì Multiservizi Integrati, ha preso parte al forum-tavola rotonda “Climate Action per raggiungere la neutralità carbonica delle città e dei territori” svoltosi oggi, nel Padiglione Italia, nel corso dei lavori della 28° conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici in programma in questi giorni all’Expo City di Dubai, negli Emirati Arabi.

La COP28 riunisce i leader mondiali per definire nuove politiche ambientali e assumere impegni cruciali in merito alla crisi climatica.

L’Assessore comunale all’Ambiente Giuseppe Petetta (nella foto in alto) e il Direttore di FMI Claudio Maltoni, intervenuti al tavolo dei relatori, hanno condiviso col Ministro Gilberto Pichetto Fratin e la nutrita platea di enti pubblici e istituzioni locali la recente esperienza del cambiamento climatico a Forlì, il dramma dell’alluvione e la sfida della ripartenza.

“Per la nostra città si è trattato di un riconoscimento importante” – ha dichiarato l’assessore Giuseppe Petetta. “Alla conferenza delle Nazioni Unite abbiamo portato l’esperienza degli Stati Generali, il più importante e corale momento di confronto e approfondimento dopo la drammatica esperienza dell’alluvione, per parlare di ripartenza. L’alluvione di maggio, infatti, ci ha imposto una nuova programmazione, più efficace e strutturata nel tempo. Occorrono finanziamenti adeguati e una riorganizzazione chiara e tempestiva della struttura di emergenza. Gli Stati Generali hanno rappresentato proprio questo: un mix di elementi tecnici, condivisione e ricerca del fattore più importante che è l’unità.”

“FMI è sempre di più al fianco del Comune di Forlì per prevenire e contrastare l’emergenza climatica” – ha aggiunto il Direttore Claudio Maltoni che ha poi evidenziato il ruolo strategico della società partecipata, “esperta nelle materie energetiche e fonti rinnovabili, impegnata nella riduzione delle emissioni da combustibili fossili. L’alluvione ha rappresentato per tutti noi un punto di svolta, un momento di rottura da cui ripartire per riprogrammare il futuro del nostro territorio.”