Zaki: Camera approva mozione per cittadinanza italiana

0
128

(Sesto Potere) – Bologna – 7 luglio 2021 – L’Aula della Camera dei deputati ha approvato, con 358 voti favorevoli e la sola astensione di Fdi, la mozione Quartapelle Procopio ed altri (la n. 1-00421) concernente iniziative di competenza a favore  del giovane studente Patrick Zaky, iscritto al “Master Gemma” attivato presso l’Alma Mater di Bologna, con particolare riferimento al conferimento della cittadinanza italiana.

Nel testo licenziato a Palazzo Montecitorio si impegna il governo ad “avviare tempestivamente mediante le competenti istituzioni le necessarie verifiche al fine di conferire a Patrick Zaki la cittadinanza italiana” e al contempo a “monitorare, con la presenza in aula della rappresentanza diplomatica italiana al Cairo, lo svolgimento delle udienze processuali a carico di Zaki e le sue condizioni di detenzione” in carcere.

“Chiediamo a gran voce la sua liberazione e lo aspettiamo nella “sua” Bologna per proseguire gli studi. Sui diritti umani non vi è confine che tenga: non possiamo né vogliamo stare a guardare”: commenta il governatore dell’Emilia Romagna, Bonaccini.

Patrick era arrivato in Italia nel settembre 2019 con una prestigiosa borsa di studio Erasmus Mundus, ottenuta dopo un rigoroso processo di selezione che ha visto quasi 600 domande da parte di studentesse e studenti di tutto il mondo, con 29 borse assegnate in tutta Europa di cui 3 a Bologna.

Il 7 febbraio 2020, è stato arrestato all’aeroporto del Cairo, mentre stava tornando a casa per un breve periodo di pausa prima di iniziare il suo secondo semestre di studi all’Università di Bologna. E  da allora Patrick Zaki è in stato di fermo ed ha compiuto i suoi 29 anni nel carcere di Tora, dove si trova, e dove continua ad aspettare, tra ripetuti rinvii di udienze e rinnovi di custodia cautelare, l’esito della sentenza che dovrà decidere delle sue sorti.