(Sesto Potere) – Bologna – 28 luglio 2022 – Il governatore dell’Emilia-Romagna e leader nazionale dl Pd, Stefano Bonaccini, conferma: “mantengo l’impegno preso con i cittadini due anni fa: non mi candido in Parlamento”. Il suo nome da più parti indicato non si troverà nelle liste delle elezioni politiche anticipate con gli italiani alle urne domenica 25 settembre 2022.

“Ci sono molti modi per portare il proprio contributo al centrosinistra in questa campagna elettorale: io farò la mia parte come sempre. La farò dall’Emilia-Romagna, mantenendo l’impegno preso con i cittadini due anni fa, dunque non mi candido in Parlamento. Ogni giorno nei territori e fra le persone, cercando il confronto con i miei concittadini. Rappresentarli è un grande onore. Da qui mi impegnerò per il centrosinistra e le sue idee”: afferma Bonaccini.

“Dopo le regionali in Emilia-Romagna abbiamo vinto tutte e tre le tornate amministrative che ci sono state, prevalendo in tutti i 5 comuni capoluogo, anche dove sembrava impossibile (Piacenza) o dove non succedeva da 25 anni (Parma). E da qui partiremo per fare una campagna nelle comunità locali, per far valere le nostre proposte. Non contro qualcuno, ma per il Paese. Senza insultare o urlare, ma col sorriso e la determinazione che ci contraddistinguono”: ha aggiunto il governatore dell’Emilia-Romagna.