Voragine sulla ss45 nel piacentino, Bevilacqua (Ugl E-R): “Ammodernare l’arteria sia priorità”

(Sesto Potere) – Piacenza – 25 novembre 2019 – Come riportato ieri dalla nostra agenzia sulla strada  statale 45 di Val Trebbia , l’arteria che collega le città di Genova e Piacenza,  a poca distanza di Ponte Barberino, in direzione  Bobbio, nel piacentino, s’è registrato un gravissimo caso di dissesto: si è aperta una voragine in mezzo alla carreggiata e solo per un caso fortuito non ci sono state vittime.

operaio anas

“Il cedimento del manto stradale  è avvenuto nello stesso punto dove era stato segnalato un avvallamento che nei giorni scorsi aveva provocato innumerevoli disagi agli  automobilisti. E’ inconcepibile che gli enti preposti non investano le giuste risorse per garantire la messa in sicurezza di un’arteria che collega  la costa del mar Ligure con la pianura Padana”: commenta il segretario regionale Emilia-Romagna dell’Ugl, Tullia Bevilacqua.

La questione era stata sollevata dal sindacato direttamente  alla ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, due mesi fa, al suo debutto istituzionale emiliano-romagnolo, a  pochi giorni dal suo insediamento .

“Avevamo chiesto al ministro  De Micheli che si intervenisse in maniera risolutiva sulla strada statale 45 di Val Trebbia. E’ un’arteria densamente trafficata e ad alto rischio  costellata da continue tragedie stradali e più volte

Tullia Bevilacqua

chiusa alla circolazione per motivi di sicurezza. Una strada percorsa ogni giorno da centinaia di pendolari e autotrasportatori. Ed è anche  un  nodo essenziale degli spostamenti turistici nel Nord Italia. E’ un’arteria  che deve essere ammodernata nei tratti critici e messa in sicurezza nel suo complesso, poiché, ancora oggi, si paga un tributo in termini di vite umane insostenibile. Ma da allora nulla è cambiato …”: aggiunge  Tullia Bevilacqua.

Oggi, dopo l’ennesimo caso di dissesto,  il sindacato Ugl pone il tema all’attenzione anche del vertice Anas ed al  presidente regionale uscente , nonché ai candidati alle elezioni del 26 gennaio 2020 per il rinnovo dell’assemblea legislativa regionale, affinché il tema dell’ammodernamento infrastrutturale e della manutenzione stradale  nel suo complesso  sia fra le priorità del mandato di chi si appresta a governare l’Emilia-Romagna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *