(Sesto Potere) – Cesenatico – 17 dicembre 2021 – Imprenditrici femminili come avamposto culturale contro la violenza di genere, attraverso un’opera di sensibilizzazione costante, ed effettuata in rete con associazioni, enti e espressioni del territorio.

Sarà l’appendice quotidiana e continuativa del percorso che si è concluso giovedì sera a Cesenatico, nelle sede di Confartigianato in via Trento, con protagoniste Donne Impresa Confartigianato (presieduto da Fulvia Fabbri e coordinato da Cristiana Suzzi) l’associazione ‘La Vela’ e il comune di Cesenatico, che ha offerto il suo patrocinio, iniziativa di approfondimento sulle insidie tentacolari della violenza di genere che si annidano nella realtà di tutti i giorni. 

no-violenza-alle-donne

Per contrastare questo fenomeno sempre più esteso occorre un approccio multidisciplinare: è emerso durante ‘Filo Rosso’, ciclo di due incontri che si è concluso con gli interventi della psicologa Roberta Orlando, dell’avvocato Daniela Casali e dell’artista educatore Simone Brandi il quale ha proseguito nell’analisi molto apprezzata nel primo incontro dell’evoluzione dell’immagine della donna nella storia dell’arte, tra pregiudizio ed esclusione, mentre l’avvocata Casali ha tenuto una comunicazione su “Le forme delle violenza e gli strumenti legislativi per difendersi”.

Nell’incontro precedente la psicologa Orlandi aveva sviscerato la fase preliminare, quella delle forme del maltrattamento psicologico e i campanelli di allarme che anticipano la relazione tossica.

“Ora il nostro impegno prosegue – rimarca la presidente di Donne Impresa Fulvia Fabbri – con altre iniziative e con il nostro contributo a creare una rete territoriale permanente che tenga viva, dibattuta e monitorata la problematica per contrastare tutte quelle forme di violenza maschile – psicologica, fisica, sessuale – che colpiscono le donne in quanto donne, costituendo non solo una discriminazione ma anche, e soprattutto, una violazione dei diritti umani”.

Nella foto in alto la presidente Donne Impresa Confartigianato Fulvia Fabbri, a destra, con i relatori.