Vaccini e sanità: il benvenuto in E-R di Bonaccini e Donini al ministro Speranza

0
178

(Sesto Potere) – Bologna – 21 giugno 2021 – Continua in Emilia-Romagna la campagna vaccinale anti-Covid, estesa anche agli under40, con la possibilità di prenotarsi che resterà sempre aperta a partire dalla data di sblocco delle finestre, per consentire a tutti coloro che lo vorranno di ricevere il vaccino.

ministro, donini e bonaccini

Alle ore 16 sono state somministrate complessivamente 3.488.535 dosi, di cui oggi: 26.287.

Sul totale, 1.255.034 sono le persone che hanno completato il ciclo vaccinale, in prevalenza 709.102 donne.
Le somministrazioni per fascia d’età vedono maggiormente interessati gli over 80enni: 702.750.

“Abbiamo protetto innanzitutto la popolazione più vulnerabile, con la prima dose somministrata al 100% degli over 90, al 95,8% della fascia 80-89, all’88,6% dei 70-79enni e all’83 % di chi ha tra i 60 e i 69 anni. E fra i 50-59enni siamo comunque al 70%.”: ha spiegato l’Assessore alle Politiche per la Salute della Regione Emilia-Romagna, Raffaele Donini, che ribadisce il traguardo da raggiungere entro la fine dell’estate per l’Emilia-Romagna: “la protezione immunologica di comunità con la possibilità concreta di arrivare ben oltre al 70% di emiliano-romagnoli vaccinati. Oggi già oltre 2,2 milioni cittadini hanno ricevuto almeno la prima dose e mezzo milione di persone hanno la data di prenotazione per la somministrazione nelle prossime settimane”.

Per ringraziare gli operatori sanitari, volontari e istituzioni , insieme al ministro della Salute Roberto Speranza ed al governatore Stefano Bonaccini, l’assessore regionale Donini ha visitato il centro Hub vaccinale di Modena (vedi foto qui a lato), sottolineando il “lavoro di squadra che sta dando nella regione Emilia Romagna ottimi risultati”.

Il governatore Bonaccini ha portato il benvenuto dell’Emilia-Romagna al ministro Speranza e insieme hanno salutato e ringraziato gli operatori sanitari e i volontari del punto vaccinale di Modena “che ogni giorno con passione e dedizione portano avanti la campagna vaccinale”. “Grazie a loro possiamo tornare alla normalità e ripartire”: ha evidenziato Bonaccini, che poi a Carpi, sempre con il ministro Speranza, ha firmato due accordi molto importanti per rafforzare la sanità pubblica dell’Emilia-Romagna.
Il primo, siglato con il ministero, stanzia 145 milioni di euro per numerosi interventi in tutte le province: nuove Case della salute e hospice, acquisto di macchinari di ultima generazione, nuovi reparti e riqualificazione di strutture esistenti.
Il secondo, con gli enti locali, per la realizzazione del nuovo Ospedale di Carpi.

“Insieme a quelli che saranno costruiti a Piacenza e Cesena uno dei più importanti investimenti in ambito sanitario dei prossimi anni. Atti concreti. Medicina di territorio e nel territorio. Perché più sanità pubblica non è solo uno slogan, ma un pilastro fondamentale della nostra visione di società”: ha commentato il presidente della Regione.

.