Vacanze, 6 italiani su 10 pronti a spostarle per il vaccino

0
344
famiglia in aeroporto

(Sesto Potere) – Roma – 20 giugno 2021 –

Ricerca avanzataARTICOLO | Economia

Vacanze: 6 italiani su 10 pronti a spostarle per il vaccino

(Sesto Potere) – Roma – 20 giugno 2021 – Oltre sei italiani su dieci (63%) sono disposti a spostare le ferie pur di farsi iniettare la prima o la seconda dose di vaccino, con la paura per il Covid che è più forte della voglia di relax. E’ quanto emerge dalla prima indagine Coldiretti-Ixe’ sulle vacanze degli italiani al tempo della pandemia, in riferimento al passaggio di quasi tutta l’Italia in zona bianca anti-Covid e l’attesa della decisione sull’obbligo di mascherina all’aperto.

turista-mascherina-mare

La tutela della salute resta la priorità degli italiani con solo il 23% di italiani che preferisce rimandare il vaccino – sottolinea Coldiretti – pur di godersi le ferie, mentre il restante 8% è indeciso.  

La scelta di vaccinarsi prima di andare in vacanza è spinta anche – precisa la Coldiretti – dalla possibilità di accedere al green pass che consente di godere di offerte e servizi altrimenti preclusi. Resta il fatto che l’emergenza Covid ha condizionato quest’anno la scelta del luogo di quasi un italiano su due (49%) che va in vacanza secondo un’analisi Coldiretti su dati Istat. Non a caso ben il 33% dei vacanzieri resterà all’interno della propria regione, e solo il 6% prevede di andare all’estero. Il resto si recherà in una regione diversa da quella di residenza.

Con l’emergenza Covid sono – sottolinea la Coldiretti – solo 1,5 milioni gli italiani che hanno deciso di trascorrere una vacanza all’estero durante l’estate, nonostante il via libera al green pass che consente di varcare le frontiere ma anche di accedere in patria a servizi ed attività che sono state per lungo tempo precluse dalle misure adottate per fermare il contagio.

Un attestato che – continua la Coldiretti – facilita la circolazione dei turisti all’interno delle frontiere Ue compresi i 28 milioni di cittadini europei che prima dell’emergenza sanitaria Covid venivano in vacanza nel Belpaese durante i mesi estivi per un valore di 11,2 miliardi per il sistema turistico nazionale in spese per alloggio, trasporti, divertimenti, shopping, souvenir e alimentazione.