Emilia-Romagna: 1°exit poll: avanti Bonaccini, crollo M5S

(Sesto Potere) – Bologna – 26 gennaio 2020 – Urne chiuse. Alle 23 ha votato in Emilia-Romagna il 66,07% degli aventi diritto (36,59 % 5 anni fa). In Calabria s’è recato alle urne il 40,47% (41,43 % la volta scorsa).

Sfida aperta in Emilia-Romagna, dove c’è attesa per il risultato finale.

Dopo aver votato nel suo seggio di Bologna, alle 12,15 , Lucia Borgonzoni ha commentato:

“Che bello poter votare, la piú alta espressione di democrazia: oggi credo che molti italiani ci invidino. Ho fiducia che oggi possa essere una giornata storica. Libertà è partecipazione. Conto su di voi, oggi ogni voto conta!”:

la candidata del centrodestra ha lanciato un suo personalissimo countdown , ogni ora, nella sua pagina Facebook, per invitare i simpatizzanti al voto fino all’ultimo minuto di apertura dei seggi.

Da parte sua Stefano Bonaccini ha votato alle 11 nella sua Campogalliano (Modena) e – prima del messaggio icàstico: “Oggi vinciamo noi. Oggi vince l’Emilia-Romagna” – ha lanciato un lungo commento dove il succo, il messaggio principale , al di là del richiamo ai valori ed ai principi che hanno ispirato il suo mandato, era: “Oggi si vota. È il momento della verità. Lo sforzo più importante deve essere quello di convincere amici e conoscenti ad andare a votare, perché ogni singolo voto è decisivo. Parliamo a tutti, anche a che è sfiduciato e magari non si riconosce in nessun partito. E ricordiamo agli incerti che si possono votare sia una lista, sia un candidato presidente, anche col voto disgiunto”.

Dal primo exit poll diffuso dalla Rai alle 23.01 : sarebbe in vantaggio Bonaccini con una forbice del 47-51%, poi la Borgonzoni col 44- 48% crollo del M5S con Benini , valutato al 2-5%, su di lui pesa il voto disgiunto che avrebbe favorito Bonaccini. Da verificare il voto di lista dei “grillini”, comunque in calo progressivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *