Università, Vietina (Coraggio Italia): “Corsi universitari abilitanti: testo da migliorare ma condivisibile”

0
234

(Sesto Potere) – Tredozio (FC) – 21 giugno 2021 – “Quello dei titoli universitari abilitanti è un provvedimento davvero atteso per semplificare le modalità di accesso ad alcune professioni per un rapido inserimento nel mondo del lavoro. Uno strumento che ha visto muovere il primo passo con il “Cura Italia” che ha introdotto la laurea abilitante in medicina e chirurgia in un preciso momento storico di estrema e generalizzata difficoltà, che purtroppo stiamo ancora vivendo. Nel solco, il provvedimento presentato dal Governo di cui si è discusso oggi, è un primo passo, per quanto incerto, verso il futuro. Possiamo considerarlo una cornice in legno grezzo che andrà raffinata per ospitare un quadro che ancora non esiste. Ecco perché Coraggio Italia ha chiesto oggi con urgenza alcuni interventi che possano migliorare l’impianto generale della norma”: così l’on. Simona Vietina, parlamentare di Coraggio Italia e sindaco di Tredozio (FC), nella foto qui in pagina.

“Credo sia esemplificativo l’esempio dell’Albo degli agrotecnici e degli agrotecnici laureati: la riformulazione voluta dal Governo rendere impossibile per l’albo la richiesta di riconoscimento del percorso abilitante e per questo ho presentato uno specifico emendamento. Occorre anche rivedere il tema del tirocinio: occorre incentrarlo su abilità pratiche e prevedendo magari una retribuzione adeguata e altrettante tutele, così come occorre una revisione dei piani di studi. Non possiamo permettere che una semplificazione dell’ingresso nel mondo del lavoro incida sulla qualità della formazione”: aggiunge Simona Vietina.

“Pertanto, è necessario rivedere i corsi di laurea tenendo conto di come essi si interfacciano alle professioni spesso in divenire, viste le continue mutazioni sociali e un adeguamento dei curricula universitari alle competenze richieste dalle professioni e dalle nuove sfide professionali che vedono scenari sociali profondamente mutati ed hanno bisogno di cambiare e modernizzare anche la formazione se vogliamo raccogliere tutte le sfide sociali, a maggior ragione quelle conseguenti al PNRR”: aggiunge la parlamentare di Coraggio Italia che ribadisce come il partito “condivida appieno il fine del provvedimento: in particolar modo in vista di una uniformità in materia di accesso alle professioni a livello Europeo e di un più celere inserimento dei giovani nel mondo del lavoro”.

“Tuttavia, sono ancora molte le criticità che si auspica vengano presto sanate anche con il coinvolgimento delle comunità dei professionisti. Coraggio Italia è pronta a confrontarsi e a mettere in campo un lavoro intenso in funzione di una reale, pratica, effettiva e veloce ripresa sanitaria, economica e sociale”: conclude Simona Vietina.