UniBo, inaugurato il Collegio Superiore Irnerio

0
127

(Sesto Potere) – Bologna – 28 settembre 2021 – E’ stata inaugurata la Residenza Collegio Superiore Irnerio, in Piazza Puntoni, 1 a Bologna che, a partire da quest’anno accademico, ospiterà gli studenti del Collegio Superiore e, temporaneamente, i dottorandi internazionali dell’Istituto di Studi Avanzati. L’edificio, già completamente ristrutturato negli anni 2000-2002, è composto da sei piani fuori terra, con un vano scala e ascensore ed una scala esterna di sicurezza dal primo piano al piano terra.

Si tratta di 111 posti letto in 108 camere (105 camere singole e 3 doppie) con bagno e 5 cucine comuni, oltre agli spazi comuni e servizi accessori, quali sala studio, sala TV, palestra, cucine per ogni piano, sala da pranzo e locali lavanderia. All’esterno in copertura c’è anche un’ampia terrazza da cui si gode uno splendido spettacolo dei tetti nel centro storico di Bologna.

Tra i lavori realizzati, la sistemazione (tinteggiatura) degli spazi interni, l’integrazione dei sistemi di condizionamento e ricambio d’aria, l’inserimento di controsoffitto, ma anche il miglioramento della connettività.

La residenza, già denominata Residenza Irnerio, si trova presso l’immobile di proprietà dell’Ateneo con affaccio sulla piazza e le vie Zamboni e S. Giacomo, ed è gestita da ER.GO che, nei mesi scorsi, ha realizzato una serie di interventi di riqualificazione dell’immobile per accogliere i nuovi studenti, in collaborazione con l’Università di Bologna.

Al Collegio Superiore Irnerio, fondato nel 1998 come Collegio d’Eccellenza e dal 2019 è diretto dalla Prof. Beatrice Fraboni, ogni anno vengono selezionate 24 nuove matricole, iscritte a un qualsiasi corso di laurea dell’Ateneo, che vanno a comporre il corpo attuale di circa 90 Collegiali, oggi riuniti nella Residenza Collegio Superiore Irnerio.

L’edificio che oggi ospita l’intero Collegio Superiore Irnerio ha una storia particolarmente rilevante: venne inaugurato come “Collegio Irnerio” nel lontano 1954 alla presenza del Ministro della Pubblica Istruzione Giuseppe Ermini, del Rettore Battaglia e del Cardinale Giacomo Lercaro, e ospitava 93 studenti “meritevoli”.