Tutela della balneazione, vertice con esperti Arpae a Riccione

0
105
musica in spiaggia

(Sesto Potere) – Riccione – 20 febbraio 2020 – Si è svolto in Municipio a Riccione, un incontro tra l’amministrazione rappresentata dal sindaco di Riccione, Renata Tosi e l’assessore all’Ambiente Lea Ermeti presenti i tecnici del settore ambiente del Comune, il direttore generale dell’Arpae Emilia-Romagna, Giuseppe Bortone, gli esperti Arpae e ambientali dell’Università di Bologna, il presidente della cooperativa bagnini di Riccione, Diego Casadei e il presidente della cooperativa Adriatica, Giancarlo Copioli.

renata tosi

Al centro dell’incontro, animato dall’interesse comune e dalla condivisione per gli obiettivi, la tutela della balneazione, dell’ambiente e delle acque marine.

L’amministrazione di Riccione ha ricordato il costante lavoro di controllo con Arpae anche per quello che riguarda le aste fluviali e con Hera per il buon funzionamento delle vasche di laminazione. Come è noto il ministero della Salute ha accolto la proposta della Regione Emilia-Romagna di modificare il metodo di controllo delle acque di balneazione e di ridurre i tempi necessari per avere i risultati delle analisi, che dalla prossima stagione passeranno da 48 a 18 – 22 ore. Così facendo si riducono di almeno un giorno i periodi di divieto di balneazione in caso di superamento dei parametri e si fa un passo avanti per garantire la tutela della salute dei bagnanti.

Passare da 48 a 18 è decisamente un passo avanti – ha detto il presidente della cooperativa bagnini, Diego Casadei –. Noi però da settembre dello scorso anno stiamo lavorando ad un’idea aggiuntiva che abbiamo portato all’attenzione dell’amministrazione comunale, dell’Arpae e della Lega  cooperative dell’Emilia Romagna. Un’idea che abbiamo anche sottoposto agli esperti dell’Università di Bologna e di Arpae e che porterebbe vantaggi ancora più importanti sia alla salute dei bagnanti che all’ambiente”. “Le tecnologie esistenti oggi lo permetterebbero, e quindi magari dopo un periodo sperimentale di affiancamento per testarne la validità, si potrebbe arrivare ad un metodo che riduce ancora di più i tempi per ottenere i risultati delle analisi sulle acque di balneazione. I tempi rapidi delle analisi sono positivi per tutti, prima di tutto per la salute pubblica”. 

cane in spiaggia

Per l’amministrazione comune è molto importante il lavoro di squadra e condivisione degli obietti – ha quindi dichiarato l’assessore all’Ambiente, Lea Ermeti –. E’ essenziale che ci sia comunicazione e confronto tra cooperativa bagnini e amministrazione e gli enti preposti alla salvaguardia della balneazione per mantenere sempre alta l’attenzione”. 

Arpae è disponibile a proseguire un percorso di ulteriore innovazione – ha detto il direttore generale dell’Arpae Emilia Romagna, Giuseppe Bortone –, che oltre per gli aspetti scientifici, risulta di massimo interesse per il pieno coinvolgimento di tutti gli attori per la tutela e la valorizzazione del sistema mare-costa”. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here