(Sesto Potere) – Rimini – 19 ottobre 2021 – Prosegue fino al 2024 la collaborazione tra Emilia Romagna e Toscana per promuovere e valorizzare turisticamente la montagna “tosco emiliana-romagnola”. Il protocollo d’intesa che rinnova, per il triennio 2021-2023, la sinergia in campo turistico tra gli enti di promozione turistica delle due regioni (Apt Servizi Emilia Romagna e Toscana Promozione Turistica) è stato siglato dagli Assessori Regionali al Turismo di Emilia Romagna, Andrea Corsini, e Toscana, Leonardo Marras.

Un patto – nel segno del turismo slow lungo l’Appennino Tosco-Romagnolo – sottoscritto nel corso di TTG Travel Experience 2021 in Fiera a Rimini.

Obiettivo dell’intesa, avviare azioni di promozione congiunta, attivare servizi condivisi di fruizione turistica e partecipare ad iniziative comuni finalizzate al rafforzamento dell’offerta turistica della montagna tosco emiliano-romagnola.

Previsto inoltre dal Protocollo “lo sviluppo di azioni di marketing in collaborazione con tutti i soggetti della filiera turistica interessati alla valorizzazione dell’arco appenninico, stimolando aggregazioni finalizzate a progettare e promuovere percorsi meno noti e innovativi, nonché un’offerta turistica originale e mirata ai diversi target, al fine di favorire la penetrazione sui mercati di nuove proposte competitive”.

Gli interventi congiunti delle due Regioni interesseranno il turismo naturalistico e ambientale, la vacanza attiva, i soggiorni all’insegna di cultura e sport e il turismo enogastronomico, anche attraverso l’organizzazione di press tour ed educational tour per buyer e stampa specializzati.

Le azioni congiunte dei due enti di promozione turistica mireranno alla Valorizzazione e promozione dei tre Parchi nazionali che insistono sui territori delle due regioni attraverso azioni di comunicazione e promozione.

Tra gli obiettivi previsti dal Protocollo anche la valorizzazione del percorso collegato alla ferrovia transappenninica, con azioni a supporto del brand e di comunicazione congiunta.

«Prosegue nel segno del turismo green e slow la virtuosa collaborazione avviata con la Toscana otto anni orsono per i progetti “Terre di Piero” e successivamente “Vie di Dante” -commenta l’Assessore Corsini- secondo una linea operativa che da anni ci vede impegnati nell’instaurare rapporti di collaborazione e creare prodotti e promozione congiunta con le regioni limitrofe. L’Appennino Tosco-Romagnolo è una risorsa dal potenziale enorme, oggi più che mai alla luce della crescente richiesta di vacanza en plein air e luoghi autentici e incontaminati, e solo facendo squadra possiamo essere competitivi sui mercati turistici nazionali ed internazionali».

«Questo protocollo rinsalda un rapporto di collaborazione ormai strutturato, che nel tempo ha dato risultati molto positivi per entrambe le regioni, non ultima l’esperienza delle Vie di Dante – aggiunge Leonardo Marras, Assessore al Turismo della Regione Toscana –. Mai come adesso c’è bisogno di condividere idee e progetti per ripartire al meglio e costruire uno sviluppo dei territori solido e duraturo; questo vale per l’economia come per il turismo. L’accordo rinnovato oggi è un esempio di buone pratiche interregionali di cui andare orgogliosi: permetterà di valorizzare al meglio le potenzialità di un’area bellissima come la montagna dell’Appennino Tosco-Romagnolo».