Turismo, in positivo i primi 6 mesi del 2019 per la montagna dell’E-R

0
120

(Sesto Potere) – Modena –  12 novembre 2019 – I numeri sono in crescita. Il primo semestre del 2019 si è chiuso positivamente per alberghi, ristoranti e strutture della montagna emiliano romagnola, con una crescita, rispetto all’anno scorso, del +4,8% degli arrivi e del +9,7% delle presenze. Nei primi sei mesi dell’anno, gli arrivi sono stati 164.500 e 752.500 le presenze.
Chi sono i turisti che passano una vacanza in Appennino sia in estate, che in inverno? A prenotare soprattutto italiani (l’86% dei vacanzieri appenninici). Una fetta di mercato evidentemente felice della scelta, visto che la clientela italiana nel primo semestre del 2019 è ulteriormente cresciuta: +6,4% per gli arrivi e +10,6% (616mila) per le presenze.

I dati sono dell’Osservatorio Turistico Regionale dell’Emilia-Romagna, presentati nel corso dell’ultima edizione di Skipass, la più importante manifestazione fieristica in Italia dedicata alla montagna e agli sport invernali, che s’è svolta la scorsa settima a ModenaFiere .

Una a manifestazione che ha segnato l’inizio ufficiale della stagione del turismo bianco in Emilia-Romagna. Qual è la tendenza? In aumento anche gli stranieri che scelgono l’appennino per le loro vacanze sia sulla neve, che nel verde. Le presenze internazionali salgono del 5,8% (136.500), mentre sono in lieve contrazione gli arrivi (-2,9%).

La Stagione 2019-2020 sulle piste da sci dell’Appennino Tosco-Emiliano si presenta con un’offerta turistica   costituita da 20 stazioni invernali, 400 chilometri di discese, 5.000 km di percorsi. In Emilia-Romagna l’apertura ufficiale degli impianti sarà durante il Ponte dell’Immacolata del 6-8 dicembre prossimi.

Le località invernali dell’Appennino a cavallo fra Emilia-Romagna e Toscana – a cominciare dalle stazioni regine, Comprensorio del Cimone (Mo), Corno alle Scale (Bo), Cerreto Laghi (Re) e Abetone (Pistoia) – proporranno a Skipass il meglio delle loro offerte invernali con depliant, brochure e maestri di sci.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here