Turismo, in Emilia-Romagna persi 3 miliardi nell’ultimo trimestre

0
589
turisti anziani

(Sesto Potere) – Bologna – 14 maggio 2020 – Con la perdita di quasi 10 miliardi di euro nella spesa turistica degli stranieri in Italia nell’ultimo trimestre per effetto dell’emergenza Covid 10 è importante la riapertura dell’Unione Europea ai viaggi tra Paesi. E’ quanto afferma la Coldiretti sulla base dei dati Istat nel commentare positivamente le linee guida sul turismo europeo annunciate dal presidente della Commissione Europea Ursula Von Der Leyen. 

turisti

L’anno scorso – in base al Rapporto Banca d’Italia – la spesa maggiore dei viaggiatori stranieri in Italia s’è registrata nelle località turistiche del Centro Italia (con il 29,6%) , poi: il Nord Est (con il 27%) e il Nord Ovest (26,6%). Al Sud e le isole (il 15%).

L’impatto economico fra marzo, aprile e maggio in tutta Italia – sottolinea la Coldiretti – è stato drammatico con l’azzeramento nel trimestre della spesa turistica, con quella straniera che rappresenta il 21% del totale.

A pagare il conto più salato è l’alimentare con il cibo che – conclude la Coldiretti – è diventato la voce principale del budget delle famiglie in vacanza in Italia con circa 1/3 della spesa di italiani e stranieri destinato alla tavola per consumare pasti in ristoranti, pizzerie, trattorie o agriturismi, ma anche per cibo di strada o specialità enogastronomiche.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here