Turismo congressuale, 5 mln di persone in Emilia-Romagna per meeting e convegni: giro d’affari di 1 mld l’anno

(Sesto Potere) – Bologna – 19 giugno 2019 – Hotel, centri congressi, sedi istituzionali, arene e altre sale: sono oltre 1.120 le strutture congressuali, con una capienza di quasi 390 mila posti a sedere, che hanno accolto 4,8 milioni di partecipanti a incontri, meeting, congressi, convention, seminari, totalizzando circa 6,5 milioni di giornate di presenza. Un giro d’affari stimato in circa un miliardo di euro l’anno, il 20% del fatturato complessivo per il turismo dell’Emilia-Romagna.

sala congressi bologna

Il sistema congressuale emiliano romagnolo si presenta in buona salute e con una rete di strutture ben distribuita in Emilia-Romagna nei tre distretti di Bologna, Parma e Rimini, con il primo – che oltre al capoluogo di regione comprende anche le province di Ferrara e Modena – che totalizza il numero più elevato di sedi447, il 40% del totale.
Venendo ai circa 53 mila eventi organizzati sul territorio, sono gli alberghi – che rappresentano il 33% delle strutture – ad ospitarne il numero maggiore (56,8%), con una netta prevalenza di quelli a dimensione locale, promossi soprattutto da aziende.

È questa in sintesi la fotografia del primo studio 2018 sul sistema emiliano-romagnolo, messa a punto dall’Osservatorio sul turismo congressuale in Emilia-Romagna promosso da Apt Servizi Emilia-Romagna e realizzata in collaborazione con il Centro di studi avanzati sul turismo dell’Università di Bologna.

Offerta congressuale: strutture e distribuzione nei distretti

Per quanto riguarda le strutture congressuali, in Emilia-Romagna se ne contano esattamente 1.121 tra alberghi, hotel, centri congressi, sale in poli fieristici, dimore storiche, sedi istituzionali, arene, centri sportivi, teatri, cinema, auditorium.

La maggior parte sono strutture alberghiere (33%), seguite dalle sedi istituzionali (ovvero edifici pubblici, sedi universitarie, sedi camerali, ecc. che rappresentano il 29% del totale). Complessivamente sono 2.561 le sale e circa 390mila i posti a sedere messi a disposizione sul mercato.
Tre i principali Distretti congressuali: Bologna, con le province di Ferrara e Modena; Parma, con le province di Piacenza e Reggio Emilia; Rimini, con Ravenna e Forlì Cesena.
Molto diversificata l’offerta per numero di strutture e capienza offerta: Bologna ha 447 sedi (40%) e il 42% di posti a sedere, segue Rimini con 382 sedi (34%) e il 34% di posti a sedere, chiude Parma con 292 strutture (26%) e il 24% di posti.

Paladozza
Paladozza

Eventi e presenze nelle diverse sedi

Ruolo di primo piano per gli alberghi con una concentrazione del 56,8% dei 53.072 eventi organizzati che hanno totalizzato il 40% di partecipanti e il 38,4% di presenze. Per contro i centri congressi con il 2% degli incontri raggiungono il 12,6% di partecipanti e il 16,5% di presenze.

Per quanto riguarda le altre tipologie di sedi, quelle istituzionali si attestano sul 16% di eventi e partecipanti e il 13,2% di presenze, le altre complessivamente ospitano il 15,8% di eventi, il 22% di partecipanti e il 16,7% di presenze.
Se si guarda ai partecipanti, la media regionale è di circa 91 persone ma si va da un massimo di 692 partecipanti in media nelle sale dei poli fieristici, ai 56 degli alberghi a tre stelle; la durata media è di 1,34 giorni e il 63,2% ha

bologna fiere

carattere locale. Il 31,4% è costituito da eventi a carattere nazionale, mentre la quota di quelli internazionali si attesta sul 5,4%. Tra i paesi stranieri quelli più attivi in regione sono Germania e Stati uniti.
Sono le aziende i principali promotori di iniziative con il 49%, al secondo posto enti pubblici, sindacati e partiti politici con il 23,1% degli incontri, mentre alle associazioni va il restante 27,9% del mercato.

Distretti congressuali di Bologna, Parma e Rimini: i risultati

Per quanto riguarda gli incontri il Distretto di Bologna ne ha ospitati il 53,5% con una dimensione media di 81 persone.
Venendo alla durata, il 59,4% degli eventi è di una giornata, il risultato più alto rispetto agli altri distretti. Gli organizzatori locali rappresentano il 66.9%, i convegni internazionali il 5.4%.
Anche se gli eventi sono promossi principalmente da aziende, tra gli eventi associativi hanno una elevata incidenza quelli organizzati da associazioni culturali, del tempo libero e religiose e, su questo segmento a Bologna registrano quote più elevate (24,1%) rispetto agli altri distretti.

fiera di rimini

Il Distretto di Rimini accoglie il 29,2% degli incontri e per quanto riguarda la dimensione media si posiziona al primo posto con 113 partecipanti per incontro. Il 50% degli eventi durano almeno un giorno; Rimini ha il primato, rispetto agli altri distretti, di eventi da 2 giorni che rappresentano infatti il 12,5% del totale. Gli organizzatori sono prevalentemente locali, per quanto riguarda i convegni internazionali, la quota è del 4.8%.
Anche se i principali promotori rimangono le aziende, questo distretto si caratterizza per gli eventi organizzati da enti pubblici, sindacati e partiti politici, pari al 25,7%, superiore al 23,1% della media regionale.

Nel Distretto di Parma si concentra il 17,3% degli incontri con una dimensione media di 84 partecipanti.
In quest’area il 56,9% degli eventi dura un giorno ma si caratterizza per un 40,4% di iniziative di durata inferiore. Anche qui gli organizzatori sono prevalentemente locali ma Parma si distingue sugli incontri nazionali con il 36.6% degli eventi. Per quanto riguarda i convegni internazionali, si raggiunge il 6.1%, la quota più alta in regione, inoltre si registra un 53% di iniziative organizzate da imprese, contro una media del 49% in regione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *