(Sesto Potere) – Bologna – 20 ottobre 2021 – Si apre il sipario del Teatro Comunale di Bologna. Il felice ritorno della Stagione d’opera, dal 29 gennaio 2022, dopo le difficoltà dovute all’emergenza sanitaria, è segnato da diverse novità sia nella programmazione, con 7 nuove produzioni assolute su 10 titoli, sia dall’arrivo di una nuova direttrice musicale, l’ucraina Oksana Lyniv, che per un’attenzione particolare nei confronti del nuovo pubblico.

Teatro comunale Bologna 2022 - Direttrice Oksana Lyniv

Per la prima volta al Comunale viene allestita l’opera di Strauss ‘Ariadne auf Naxos’, con Juraj Valčuha sul podio e la regia di Paul Curran; in prima assoluta l’opera di Wagner ‘Lohengrin’, ideata da Luigi De Angelis e diretta da Asher Fisch; poi la rara esecuzione di ‘Iolanta’, l’ultima opera di Tchaikovsky, in forma di concerto e la prima italiana di ‘Andrea Chénier’.

La proposta del teatro felsineo punta su alcuni capolavori del repertorio italiano e mitteleuropeo dell’Otto-Novecento, messi in scena da affermati registi quali Paul Curran, Hugo De Ana, Barbe & Doucet, Gabriele Lavia, Luigi De Angelis (Fanny & Alexander). Accanto a loro grandi bacchette come quelle di Oksana Lyniv, Juraj Valčuha, Asher Fisch e Daniel Oren. Non mancano, poi, interpreti vocali di primo piano come Gregory Kunde, María José Siri, Roberto Aronica, Meagan Miller, Markus Werba, Olga Peretyatko, Roberto Frontali e Mariangela Sicilia.

L’iniziativa è stata presentata oggi al Teatro Comunale di Bologna, alla presenza dell’assessore alla Cultura e Paesaggio della Regione Emilia-Romagna Mauro Felicori, del sindaco di Bologna e presidente del Teatro Comunale, Matteo Lepore, del sovrintendente del Teatro, Fulvio Macciardi, e in collegamento video, di Oksana Lyniv, direttrice d’orchestra.

Inaugura la stagione

Teatro comunale Bologna 2022 - Otello

il nuovo allestimento in prima assoluta di un caposaldo del teatro musicale italiano, ‘Tosca’ di Giacomo Puccini (29 gennaio – 6 febbraio). La storia d’amore tra la celebre cantante Tosca e il pittore Cavaradossi sarà raccontata dal regista argentino Hugo De Ana. Sul podio l’israeliano Daniel Oren.

In particolare vedono finalmente la luce, dopo essere state sospese nel 2020 a causa dell’emergenza sanitaria, tre nuove produzioni del Teatro Comunale di Bologna: ‘Lucrezia Borgia’ di Gaetano Donizetti (7-13 maggio) nella messinscena affidata a Silvia Paoli, con la direzione d’orchestra di Andriy Yurkevich; il melodramma verdiano ‘Luisa Miller’ (3-9 giugno), diretto da Daniel Oren e ‘Otello’ di Giuseppe Verdi (24-30 giugno) con la regia di Gabriele Lavia, nato per la rappresentazione al PalaDozza di Bologna e fermato dal secondo lockdown e che ora va in scena in una versione ripensata per gli spazi del Teatro Comunale, con Asher Fisch sul podio.

Per questa nuova Stagione il Teatro Comunale di Bologna ha scelto di ampliare l’offerta delle tipologie di abbonamento per andare maggiormente incontro alle esigenze del pubblico, dedicando particolare attenzione ai giovani Under30 con una nuova formula intitolata “yoU30” (che si affianca agli altri due abbonamenti Under30 “Prime” e “Serate all’Opera”).