Tappa campagna di Pro Vita al Castellaccio. Minutillo: “Aborto: una strage”

0
460
camion pro vita

(Sesto Potere) – Forlì – 8 febbraio 2021 – «Il corpo di mio figlio non è il mio corpo, sopprimerlo non è la mia scelta #stopaborto» e «Mamma: chi sceglie la vita vince sempre. L’aborto è una sconfitta #io scelgo la vita»:

questi sono i messaggi della campagna in difesa della vita nascente di Pro Vita e Famiglia Onlus che campeggia sui camion vela che, in questi giorni, stanno raggiungendo tutte le città della Romagna per sensibilizzare contro quella che i promotori dell’iniziativa definiscono «una strage silenziosa che costituisce, ormai, la prima causa di morte nel mondo».

Quest’oggi, lunedì 8 febbraio, un camion vela in viaggio alla volta di Forlì ha fatto tappa alla Chiesa del Castellaccio, dove si celebra da quasi un anno la S. Messa Tradizionale in latino.

“L’OMS dichiara che in media, ogni anno, vengono praticati circa 60 milioni di aborti – dichiara l’amministratore della chiesa, l’avvocato Francesco Minutillo – Una strage le cui dimensioni farebbero impallidire perfino il Re Erode! Abbiamo accolto con grande piacere il camion vela perché siamo profondamente convinti che non esista il diritto di uccidere la vita nascente, dono sacro di Dio”.

“Siamo grati all’Associazione Culturale San Michele Arcangelo di Ravenna, promotrice dell’iniziativa, per averci voluto far parte di un gesto certamente simbolico ma che ci permette di ripetere con forza la nostra convinzione che il concepito è una persona umana in una fase vitale iniziale e delicatissima del suo sviluppo e va riconosciuto, protetto e accolto, perché è sempre assolutamente doveroso proteggere gli esseri umani più piccoli ed indifesi”: aggiunge Francesco Minutillo.