Strage di Capaci, il sindaco Zattini ricorda il sacrificio di Falcone

0
224

 (Sesto Potere) – Forlì – 23 maggio 2021 – In memoria delle vittime dell’attentato mafioso del 23 maggio 1992 costato la vita al magistrato Giovanni Falcone, alla moglie Francesca Morvillo e agli agenti di scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, il sindaco di Forlì Gian Luca Zattini e l’assessore comunale agli affari generali, Legalità e trasparenza Maria Pia Baroni hanno portato oggi un omaggio floreale neri pressi del toponimo della piazza Falcone e Borsellino di Forlì.

giovanni-falcone e le vittime di capaci

Nella sua pagina social il sindaco ha ricordato i particolari dell’assassinio: “È il 23 maggio 1992. Sono le 17.57. Una bomba di 500 chili di tritolo viene fatta esplodere sull’Autostrada A29 mentre vi transitano il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, anche lei magistrato, e gli uomini della scorta Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani. Tutti perdono la vita in quella che è ricordata come la Strage di Capaci.

Zattini ha riportato anche una frase del magistrato anti-mafia: “Credo che ognuno di noi debba essere giudicato per ciò che ha fatto. Contano le azioni non le parole. Se dovessimo dar credito ai discorsi, saremmo tutti bravi e irreprensibili”.