Stop trivelle in Adriatico, Morrone (Lega) accusa Bonaccini di “ipocrisia”

0
93

(Sesto Potere) – Forlì – 18 febbraio. Insediare un Tavolo di crisi in Prefettura? Come ha chiesto il sindaco Pd di Ravenna, Michele De Pascale.

morrone

“Molto giusto. Lui è preoccupato, come da tempo siamo tutti, per la proroga di altri sei mesi al blocco delle attività di ricerca degli idrocarburi stabilita dal Milleproroghe. Un colpo durissimo per l’economia ravennate e emiliano-romagnola, per di più sferrato da un governo ‘amico’”: commenta in una nota il deputato della Lega Jacopo Morrone .

“Capiamo perchè un tema così importante sia di fatto scomparso dalla recente campagna elettorale del piddino Stefano Bonaccini: avrebbe, infatti, smentito la falsa svolta green del PD e messo a rischio il soccorso ‘rosso’ chiesto agli ambientalisti ‘duri e puri’. Per questo, forse, Bonaccini non ne ha accennato pubblicamente al segretario PD Nicola Zingaretti durante la sua visita a Ravenna il 18 gennaio scorso”: aggiunge il deputato del Carroccio.

“Tra i cori di ‘Bella Ciao’ e ‘Bandiera Rossa’, come testimoniato da autorevoli organi di stampa, ministri, candidati, sindaci e segretario del PD avrebbero potuto affrontare un tema spinoso come quello del distretto ravennate, con migliaia di occupati e investimenti bloccati. Invece, neppure una parola. Inutili quindi le lamentazioni confuse del neo-presidente Bonaccini che oggi si appella a Roma per un incontro. A questo punto i casi sono due: o l’Emilia-Romagna non conta nulla a Roma, nonostante il PD sia un partner di governo, oppure ai Dem interessa unicamente la sopravvivenza di questo disastrato Conte bis e, pur di mantenerlo in vita, sacrificano l’Emilia-Romagna. Un fatto che dovrebbe far molto riflettere i cantori della vittoria risicata di Bonaccini”: conclude il deputato della Lega Jacopo Morrone.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here