Stazioni Fs Emilia-Romagna, Tagliaferri (Fdi): “Insediare esercizi commerciali per dare più servizi e sicurezza”

0
136
Tagliaferri

(Sesto Potere) – Bologna – 16 aprile 2021 – Utilizzare gli spazi lasciati vuoti dalle biglietterie delle stazioni ferroviarie “non solo nelle stazioni dei grandi centri urbani, ma anche e soprattutto nelle piccole stazioni di provincia, promuovendo l’insediamento di attività commerciali anche attraverso misure di incentivazione economica dedicate”.

La sollecitazione alla Regione Emilia-Romagna è del consigliere Giancarlo Tagliaferri (Fratelli d’Italia) che chiede di sensibilizzare Trenitalia su questo tema.

Stazione di Bologna Centrale

Il consigliere afferma che “l’obiettivo che dobbiamo porci come amministratori è dunque quello di continua ricerca di equilibrio tra politiche urbane e politiche ferroviarie nella costruzione e nella gestione del luogo complesso della stazione ferroviaria”.

L’epidemia ha limitato la presenza di servizi in stazione per vendita di biglietti e altre attività commerciali che rendono quei luoghi anche insicuri e, suggerisce Tagliaferri, “uno sforzo congiunto atto a concedere tutti gli spazi vuoti all’interno delle stazioni, anche per attività commerciali potrebbe avere molteplici positività per i luoghi e per gli attori stessi”.

Le stazioni vanno ripensate, continua il consigliere, ed “è necessario e utile offrire una risposta di lungo periodo e ampia visione, che affronti criticità e disagi prodotti dal piano chiusure, sensibilizzando il gestore delle stazioni e che porti alla piena valorizzazione degli spazi e all’accrescimento di presenza e servizi”.