Stazione Centrale di Reggio Emilia e piazzale Europa, più controlli delle forze dell’ordine

0
182

(Sesto Potere) – Reggio Emilia – 22 luglio 2021 – Potenziato il piano di controllo attraverso un’azione forte e coordinata tra polizia di stato, carabinieri, guardia di finanza e polizia locale di Reggio Emilia. Lo ha deciso il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica che si è riunito oggi in prefettura per affrontare il tema della sicurezza presso la Stazione Centrale, individuare ulteriori misure finalizzate a garantire gli utenti che frequentano quotidianamente Piazzale Europa e le aree limitrofe e per rispondere ai cittadini che, in questi mesi, hanno più volte denunciato alle autorità reati di vario tipo.

Una riunione che ha visto allo stesso tavolo in presenza e in videoconferenza oltre al prefetto, l’Assessore Marchi, il delegato del Presidente della Provincia e i rappresentanti delle Forze di Polizia, della AUSL e di Trenitalia, Rfi e Tper. Il prefetto ha chiesto alle Forze di Polizia l’analisi degli eventi delittuosi e le risultanze degli interventi effettuati. Dai dati è emerso l’alto livello di attenzione già in atto.

É stata ribadita l’importanza di mantenere alta la soglia di attenzione e di vigilanza, proseguendo nelle attività quotidianamente svolte sulla base della pianificazione degli interventi coordinati tra tutte le forze dell’ordine e della polizia locale, alle quali si aggiungeranno servizi mirati e intensificati in determinate fasce orarie, secondo un potenziamento dei servizi definito dal Tavolo tecnico istituito in Questura.

Nel corso del Comitato, il prefetto ha invitato i presenti a condividere soluzioni strutturali e strutturate. In questa direzione, è stato deciso lo studio un ulteriore rafforzamento dell’illuminazione pubblica e l’installazione, già avviata nelle scorse settimane, di tre telecamere per la sorveglianza del territorio. Le telecamere, infatti, rappresentano un efficace strumento di deterrenza e sono utilissime ai fini investigativi.

L’Assessore Marchi, poi, ha annunciato un importante investimento del Comune per la riqualificazione del quartiere con un progetto volto a generare sicurezza effettiva. Ai rappresentanti di Rfi, Tper e Trenitalia è stato rivolto un ringraziamento per la disponibilità dimostrata con l’attivazione di un servizio svolto con l’impiego di guardie giurate ed è stato chiesto un potenziamento della prestazione.

“A fronte degli episodi occorsi, la nostra risposta è stata immediata. Il questore ha disposto un piano di controllo straordinario, svolto con l’ausilio dei cinofili -ha sottolineato il prefetto – e oggi è stato deciso di mettere a sistema un intervento ancora più coordinato, sinergico e calibrato, per garantire la massima sicurezza. Si tratta di un piano che coinvolge forze di polizia statuali e locali per un’attività sempre più decisa, soprattutto in quell’area della città. Considerata la stringente attività in corso, auspico che in tempi rapidi alla fase preventiva segua la fase repressiva”.