Sicurezza, droga e reati: vertice in prefettura a Ferrara

0
150

(Sesto Potere) – Ferrara – 7 novembre 2019 – Presieduta dal Prefetto di Ferrara Michele Campanaro, si è tenuta ieri a palazzo don Giulio d’Este una riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, per la messa a punto di nuove iniziative in tema di sicurezza urbana e contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti nelle zone più sensibili del capoluogo, ove il degrado urbano e l’impossibilità di fruire degli spazi pubblici amplificano la percezione di insicurezza.
Presenti il Vicesindaco di Ferrara Nicola Lodi, accompagnato dal nuovo Comandante della Polizia Locale Claudio Rimondi, il Consigliere Gino Soncini in rappresentanza dell’Amministrazione Provinciale, il Questore Giancarlo Pallini, il Comandante Provinciale dei Carabinieri Gabriele Stifanelli ed il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza Cosimo D’Elia.

Nel corso dell’incontro, è stata analizzata la recente Direttiva dettata sul tema dal Ministro dell’Interno, con circolare del 28 ottobre scorso. Il Prefetto ha, quindi, disposto l’immediata intensificazione dei servizi interforze di controllo del territorio, con adeguati rinforzi straordinari, nei luoghi di spaccio e negli orari più sensibili per il contrasto al fenomeno, insieme con una contestuale implementazione delle attività di controllo presso le scuole del capoluogo, allargando il raggio di azione anche ai luoghi di transito. Sarà convocato nelle prossime ore un tavolo tecnico presso la Questura, per mettere a punto la complessiva strategia di intervento.

Il Rappresentante del Governo ha, inoltre, colto l’occasione per illustrare i dati del report statistico relativo all’andamento della criminalità nel capoluogo nel corso del 2019, unitamente ai dati sull’attività di prevenzione e contrasto operata dalle Forze dell’Ordine territoriali.
L’andamento della criminalità nella Città di Ferrara evidenzia, alla fine del mese di ottobre scorso, una significativa flessione del numero dei delitti commessi (da 6667 di ottobre 2018 a 5966 di ottobre 2019, pari al – 10,51%), con le variazioni più significative per le voci dei furti e delle rapine (rispettivamente, da 3974 a 3186, pari al – 19,83% e da 79 a 52, pari al – 34,18% ). Un trend in sensibile crescita si registra, invece, per i delitti legati allo spaccio di sostanze stupefacenti (da 127 a 157, pari + 23,62%). Sul tema specifico, oltre alla intensificazione dell’attività di contrasto al

prefettura ferrara

fenomeno dello spaccio, il Prefetto Campanaro ha evidenziato l’importanza del rafforzamento dell’attività di prevenzione, anche attraverso il Tavolo di coordinamento in Prefettura previsto dal Protocollo di prevenzione e lotta al fenomeno del disagio giovanile, elaborando strategie di intervento di tipo multidisciplinare ed integrato, nell’ottica della rete tra tutte le Istituzioni territoriali.

Il Rappresentante del Governo ha, inoltre, ricordato che il sopra evidenziato trend delittuoso, oggetto nel corso del 2019 di approfondite disamine sia in sede di Riunione Tecnica di Coordinamento che in sede di Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, è frutto della forte intensificazione nel capoluogo dell’attività di prevenzione e contrasto che si è, in particolare, tradotta in periodici servizi straordinari interforze di controllo del territorio. Dall’inizio del 2019 sono stati ulteriormente rafforzati, in particolare nella “Zona G.A.D.”, i servizi ordinari e straordinari, con 957 posti di controllo, 6753 persone controllate ed identificate, 91 arresti, 145 denunce ed il sequestro di 576,91 grammi tra eroina e cocaina e di 1.601,04 grammi di cannabinoidi. Particolarmente pressante è stata l’attività di contrasto all’immigrazione irregolare , con 245 espulsioni, rispetto alle 149 espulsioni dello stesso periodo del 2018, pari a + 64,4% (di cui 61 con accompagnamenti ai Centri di permanenza e rimpatrio, 25 accompagnati alla frontiera, 142 con ordini di abbandono del territorio e 17 con abbandoni volontari del territorio).

“Ferrara è una città sicura. È, però, necessaria una gestione della sicurezza urbana sempre più modulata sulle specifiche caratteristiche delle aree cittadine – ha concluso il Prefetto Campanaro – Ciò presuppone un ulteriore affinamento del livello di coordinamento delle risorse in campo, valorizzando il metodo interforze e la costante partecipazione dell’Amministrazione Locale, attraverso la massima valorizzazione del ruolo della Polizia locale”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here