Sequestrati milioni di mascherine. De Palma (Nursing Up): «Giochi al massacro sulla pelle degli infermieri»

0
1044

(Sesto Potere) – Gorizia – 7 maggio 2021 – «Apprendiamo, con un sentimento di preoccupazione ma anche di profonda indignazione, di un nuovo maxi sequestro di mascherine non a norma nel mondo della sanità italiana. Oltre 50 milioni di dispositivi di protezione facenti parte dell’ormai celebre lotto Arcuri “made in Cina”. La Guardia di Finanza di Gorizia non ha dubbi: “non proteggevano dal virus e sono state fornite alle Regioni dalla nostra prima struttura commissariale“, quella appunto facente capo al numero uno di Invitalia. Pare che per settimane le abbiano adoperate infermieri e medici di tante realtà ospedaliere italiane e sembrerebbe che su questo non vi siano dubbi. Secondo i risultati di laboratorio, il loro potere filtrante è dieci volte inferiore a quanto dichiarato e il coefficiente di penetrazione è di gran lunga superiore alla norma. Ciò può comportare un pericolo per le persone che le indossano, pensando di essere al sicuro, e in particolare per il personale sanitario che per mesi le ha avute in dotazione. Attenzione, perché qui non si parla di mascherine chirurgiche ma di FFP2 e FFP3, quelle utilizzate da medici ed infermieri per stare “a diretto contatto con pazienti infetti”, nella stessa stanza».

Così afferma in una nota Antonio De Palma, (nella foto in alto), Presidente Nazionale del sindacato infermieri Nursing Up, associazione nazionale Sindacato Professionisti Sanitari della Funzione Infermieristica autonomo di categoria.

«Ci chiediamo, e ne abbiamo ogni sacrosanta ragione, se questo dramma poteva essere evitato, e se e in quali termini i numeri dei contagi degli ultimi mesi del nostro personale sanitario non siano direttamente collegati a questi “pseudo dispositivi” di protezione, che in realtà non proteggevano un bel niente, e che quindi esponevano concretamente al rischio virus tutti i nostri professionisti della sanità. E’ inconcepibile che in Italia sia stata la struttura commissariale del Governo stesso a fornire le mascherine non a norma ai nostri infermieri. D’altronde, una indagine di luglio scorso, metteva in evidenza come le carenze infermieristiche di Italia e Spagna, a livello di organici, erano quelle che avevano prostrato queste due nazioni, molto più rispetto ad altre del Vecchio Continente, ma soprattutto, per quello che qui ci interessa, Italia e Spagna hanno superato di gran lunga Francia, Germania e Inghilterra per numero di contagi di personale sanitario nel 2020.  Ricordiamo anche che nel periodo della consegna di queste mascherine, l’Italia, secondo i dati ufficiali ISS, toccava il picco dei contagi con 350 infermieri ammalati al giorno. È davvero solo un caso?»: conclude il comunicato del Presidente Nazionale del Nursing Up Antonio De Palma.