Save the Children, 1 genitore su 7 ha perso il lavoro a causa ell’emergenza Covid-19

0
266

(Sesto Potere) – Roma – 11 maggio 2020 – Save the Children ha presentato oggi il rapporto – “L’impatto del coronavirus sulla povertà educativa” – realizzato dall’istituto di ricerca 40 dB su un campione di oltre 1000 bambini e ragazzi tra gli 8 e i 17 anni e i loro genitori.

Fra i dati che fotografano lo scenario allarmante delle famiglie più fragili che si affacciano nella “Fase due” dell’emergenza Covid-19 quello che riguarda 1 minore su 5 che dichiara di incontrare maggiori difficoltà a fare i compiti rispetto al passato e, tra i bambini tra gli 8 e gli 11 anni, quasi 1 su 10 non segue mai le lezioni a distanza o lo fa meno di una volta a settimana.

Circa 1 genitore su 20 ha paura che i figli debbano ripetere l’anno, nonostante le disposizioni ministeriali lo vietino, o che possano lasciare la scuola, tassi che tra le famiglie in maggiori difficoltà economica , passano rispettivamente a quasi 1 su 10 e 1 su 12. 

Quasi la metà delle famiglie con maggiori fragilità (45,2%) vorrebbe “le scuole aperte tutto il giorno con attività extrascolastiche e supporto alle famiglie in difficoltà”, opzione che comunque è gradita dal 39,1% dei genitori intervistati.

D’altronde 6 genitori su 10 (60,3%) ritengono che i propri figli avranno bisogno di supporto quando torneranno a scuola data la perdita di apprendimento degli ultimi mesi.

Emerge lo spettro per molti bimbi di abbandonare il loro percorso scolastico, fenomeno che riguarda già nel nostro paese il 13,7% dei ragazzi. Quello che si chiama “povertà educativa”, con più di 4 ragazzi su 10 che nel nostro Paese non fanno sport e quasi 1 su 2 che non leggono un libro non scolastico.

Territori, da nord a sud dello stivale, oggi ancora di più ad alto rischio educativo per i minori, e dove a causa della crisi generata anche dal blocco delle attività ha visto le povertà preesistenti acuirsi o se ne sono sviluppate di nuove, con molte altre famiglie che si sono trovate improvvisamente in difficoltà.

In base al rapporto Save the Children 1 genitore su 7, il 14,8%, tra quelli in condizioni socio-economiche più fragili ha perso il lavoro a causa dell’emergenza Covid-19, ed il 50% lo ha perso temporaneamente.

Almeno 6 genitori su 10 , tra loro anche persone in cassa integrazione o in congedo parentale, si sono visti ridurre temporaneamente lo stipendio ed è quasi raddoppiata rispetto al periodo precedente al lockdown la percentuale (dal 18,6% al 32,3%) di nuclei familiari oggi in condizione di vulnerabilità socio-economica che sono stato costretti a chiedere aiuti statali. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here