Sanità, riunito il Comitato di Distretto di Riccione

0
114
Tiziano Carradori

(Sesto Potere) – Riccione – 3 dicembre 2020 – Potenziamento del presidio ospedaliero di Riccione Cattolica, a livello strutturale e di personale, a partire dai ruoli di vertice, ma grande attenzione alla sanità del territorio che, come anche l’esperienza del covid 19 sta insegnando, rappresenta il punto nodale della sanità del futuro. E collaborazione da parte degli Enti locali nella distribuzione del nuovo vaccino per il covid, non appena sarà disponibile.

Si è dipanata su questi temi la riunione del Comitato di Distretto di Riccione che si è svolta l’altro ieri pomeriggio e alla quale ha partecipato il direttore generale dell’Ausl Romagna, Tiziano Carradori. In apertura, è stato espresso un sentito ringraziamento da parte del Comitato di Distretto per la disponibilità dimostrata dal direttore generale all’incontro con i sindaci a dimostrazione che il tema della sanità pubblica e delle relative risposte dedicate alle comunità del distretto sud sono di estrema importanza in termini di servizi e di organizzazione di questi. 

Punto sul covid. Sono oltre 6.000 i tamponi al giorno effettuati individuando i positivi in una fase sempre più precoce, anche quando sono asintomatici e prima che possano diffondere contagio e sviluppino sintomi gravi; questo grazie anche al potenziamento del personale della sanità pubblica. Gli ospedali sono in sofferenza ma i tassi di ospedalizzazione sui positivi in Romagna sono più bassi rispetto alla media regionale e soprattutto nazionale. Fondamentale l’opera della Usca che contano 103 operatori (in Romagna).

ospedale Ceccarini di Riccione

Partendo di qui il direttore generale dell’Ausl Romagna, Tiziano Carradori ha precisato che l’ospedale è sempre stato punto di riferimento e lo continuerà ad essere per il territorio di riferimento distrettuale: un presidio insostituibile e la pandemia lo ha ulteriormente evidenziato. Ad integrazione di ciò si deve associare la necessità di un approccio complessivo al paziente che inizi prima e termini dopo il ricovero ospedaliero.  Una attenzione particolare va quindi rivolta alla medicina del territorio in particolare per la programmazione e rafforzando il ruolo del direttore del distretto. Varie le novità allo studio in questo senso, tra cui la figura dell’infermiere di comunità e l’implementazione del ruolo delle Case della salute.

Nello specifico della realtà del distretto di Riccione, è stato rammentato che il Presidio Ospedaliero ha due stabilimenti ospedalieri, Riccione e Cattolica, con Pronto soccorso e Medicina d’urgenza, Chirurgia generale, Ortopedia e traumatologia e Terapia intensiva e Rdiologia Tutte, ha rimarcato il direttore generale, avranno un loro primario stabile e saranno avviati in concorsi per coprire entro il primo trimestre 2021 quelle ancora sorrette da facenti funzione: Pronto soccorso, Radiologia, Medicina e Chirurgia (in chiave romagnola Carradori ha ricordato che sono 55 le strutture complesse attualmente senza guida stabile per 22 delle quali il concorso da primario è già stato autorizzato). Anche perché, ha ribadito Carradori, il risparmio di un facente funzioni rispetto ad un primario stabile è minimo. Sul tema Cardiologia il direttore ha precisato che oltre ai posti letto è fatta anche di diagnostica strumentale, specialistica ambulatoriale e supporto alla medicina territoriale.

Investimenti. Gli ospedali di Riccione e Cattolica saranno sottoposti ad una robusta opera di qualificazione strutturale e proseguirà l’opera di sviluppo, anche strutturale, della medicina del territorio ad esempio coi progetti delle Case della salute di Riccione e Cattolica. Mentre la tac di Riccione, che necessità di un intervento di riparazione, sarà al momento sostituita da una unità mobile e qualora non si riuscisse a ripristinarla rientrerà nel piano investimenti per sostituirla. Più in generale, i fondi europei “Next Generation” saranno utilizzati per investimenti strutturali, tecnologie e sanità digitale.

vaccino Covid

Personale. Per l’emergenza covid sono state assunte 1.200 persone in più e sono state esaurite tutte le graduatorie. Il problema della scarsità dei medici è ormai nota, tanto che vi è da parte della Direzione la proposta di assumere i medici non ancora specializzati affinchè si specializzino “in servizio”, ma per questo occorre che vi sia un pronunciamento ministeriale. Il problema riguarda anche i medici di famiglia: le zone carenti sono attualmente coperte da sostituti, ma si stanno anche pensando misure innovative, come l’attivazione di medici assunti dall’Azienda come “presidio territoriale”, non in sostituzione ma in integrazione ai medici di famiglia.

Vaccini covid. Rispondendo ad un sindaco il direttore ha detto che dovrebbe arrivare un numero ingente di dosi che presuppone un lavoro logistico molto importante. La priorità di vaccinazione è stata accordata al personale sanitario ma in vista della diffusione sulla popolazione generale, o su categorie di popolazione (ad esempio anziani) sarà importante mettere a sistema tutte le forze in campo, e in quest’ottica i Comuni si sono offerti di mettere a disposizione loro strutture e supporto logistico per la somministrazione.

Oltre a varie richieste di approfondimento, dai sindaci presenti è giunto un unanime apprezzamento all’approccio della nuova Direzione dell’Ausl Romagna, specialmente per quanto riguarda la medicina territoriale sulla quale i Comuni si sono mostrati concordi sulle linee di strategia,  confidando che la progettualità e le relative coperture economiche si traducano in un documento di programmazione triennale.