Sanità privata, ok Aiop Emilia-Romagna a ratifica pre-intesa ccnl personale non medico

0
132

(Sesto Potere) – Roma, 2 ottobre 2020 – “E’ stata scritta una pagina storica per la Sanità italiana. Finalmente le lavoratrici e i lavoratori della componente di diritto privato si vedono riconosciuti gli stessi diritti di quelli della componente di diritto pubblico, a conferma della piena e concreta integrazione delle due anime del Servizio Sanitario Nazionale”. È il commento di Barbara Cittadini, Presidente Nazionale AIOP (Associazione Italiana Ospedalità Privata) alla ratifica della pre-intesa per il rinnovo del contratto del personale non medico della sanità privata, avvenuta il 25 settembre a Roma nel corso dell’Assemblea Generale e in occasione del Consiglio Nazionale di AIOP.

Questo obiettivo, atteso da oltre 14 anni, è il risultato della collaborazione virtuosa tra Istituzioni e Parti sociali, che segna il percorso per la costruzione della Sanità del futuro” – aggiunge la Presidente Cittadini –. “La presenza del Ministro Speranza (i due nella foto in alto), intervenuto alla nostra Assemblea, al quale ribadisco il mio più sincero ringraziamento, istituzionale e personale, testimonia, una volta ancora, l’attenzione delle Istituzioni tutte, delle organizzazioni sindacali e delle parti datoriali nei confronti delle lavoratrici, dei lavoratori e delle imprese, che si sono impegnate nel raggiungimento di un risultato doveroso quanto complesso, soprattutto, tenendo conto del difficile momento che il Paese sta attraversando. Oltre che al Ministro della Salute, Roberto Speranza, un doveroso ringraziamento va al Presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini e a Tutti coloro che hanno consentito di raggiungere questo straordinario risultato, con grande impegno nel corso della trattativa. Un impegno che ha, sempre, avuto l’obiettivo di addivenire a soluzioni politiche e legislative perché il rinnovo contrattuale si potesse concretizzare”.

Prosegue Cittadini: “Desidero, però, rilevare il grande merito di tutti gli Associati, che hanno dimostrato, una volta ancora, di credere e voler investire nel SSN, riconoscendo il contributo fondamentale degli oltre centomila lavoratori che, ogni giorno, con impegno e grande professionalità, consentono alle nostre strutture di erogare prestazioni e servizi di qualità a tutti gli italiani”. “Auspichiamo – conclude la presidente Cittadini – che, a fronte della responsabilità e dell’impegno dimostrati oggi, le Regioni che, ancora, non lo hanno fatto, diano seguito agli accordi di compartecipazione del 50% agli oneri del rinnovo, rendendo sostenibile il nostro investimento nell’interesse del SSN”.

Accanto alla presidente AIOP Barbara Cittadini è intervenuto a Roma anche il presidente di AIOP Emilia-Romagna e vicepresidente AIOP Bruno Biagi che ha dichiarato: “Questo risultato riconosce finalmente ai lavoratori e alle lavoratrici della componente di diritto privato gli stessi diritti di quelli della componente di diritto pubblico. Un obiettivo che abbiamo caldeggiato insieme ai nostri iscritti emiliani-romagnoli e alla Regione impegnati in tutte le fasi dell’emergenza che ritengono prioritario il personale, il vero capitale su cui come associazione regionale continueremo ad investire”.

In Emilia-Romagna la notizia della ratifica definitiva per il rinnovo del contratto del personale non medico della sanità privata era attesa da oltre 8000 lavoratori.