(Sesto Potere) – Bologna – 29 novembre 2022 – Nei mesi scorsi è entrato in vigore il decreto ministeriale n. 77 che deve dare attuazione a una parte consistente della Missione 6 del PNRR, cioè la riforma e la riorganizzazione dell’assistenza socio sanitaria territoriale.

Bonaccini

“Si tratta di un provvedimento importante e una grande opportunità per rispondere agli obiettivi di politiche socio sanitarie universali. Per realizzarlo, però, sarà necessario prevedere risorse al fin di avviare un piano di assunzioni straordinario e valorizzazione del personale attraverso la cancellazione degli assurdi vincoli di spesa sul personale e dei fondi della contrattazione imposti dal Ministero dell’Economia che oggi penalizzano le Regioni, come la nostra, che più di altre investono sul governo pubblico dei servizi”: affermano congiuntamente le segretarie di Cgil, Cisl e Uil dell’Emilia Romagna.

Nel rivendicare il confronto di merito con la Regione, i tre sindacati confederali ricordano di aver promosso una giornata di approfondimento all’Arena del Sole a Bologna, dove sono stati indicati i punti ritenuti prioritari in vista del nuovo PSSR (Piano sociale sanitario regionale) e del Documento generale di programmazione di attuazione del decreto ministeriale n. 77

Le proposte di Cgil, Cisl e Uil?

Maggiore integrazione tra servizi sanitari e socio sanitari – anche per far fronte al progressivo invecchiamento della popolazione -, implementazione della medicina territoriale e di prossimità con particolare riferimento alle cronicità, valorizzazione del ruolo dei distretti e degli ospedali in una logica di rete regionale, rivisitazione del sistema dell’emergenza urgenza e valorizzazione delle competenze professionali e delle nuove tecnologie.

Zignani

“Sono aspetti necessari a un progetto di prospettiva che necessita di capacità di programmazione, ma anche di adeguati finanziamenti per la tenuta della qualità di un sistema pubblico che metta al centro la persona e i propri bisogni, senza cedere a modelli privatistici in un momento nel quale le famiglie già stanno facendo i conti con uno spropositato aumento del costo della vita. Su tutti questi punti è necessario un confronto di merito con la Regione per concorrere a costruire un sistema di servizi moderno, accessibile e di qualità che guardi all’innovazione quale caratteristica prioritaria”: ribadiscono Cgil, Cisl e Uil dell’Emilia Romagna in vista di un confronto con il governatore Stefano Bonaccini.

“La sanità in Emilia Romagna sta vivendo una situazione drammatica, da codice rosso. Al netto delle mancate risorse, peraltro fondamentali, per ripianare i costi della pandemia, l’Emilia-Romagna necessità ora di una riforma piena del ‘suo’ sistema sanitario. Sistema che, sottolineo, deve assolutamente rimanere pubblico. Medici, infermieri, oss: il loro impegno, il loro sforzo è massimo, ma non basta. Occorre che la Regione Emilia-Romagna, in accordo con le parti sociali, intervenga a dare nuovo slancio alla nostra sanità che è un’eccellenza internazionale”: osserva il segretario generale UIL Emilia-Romagna, Giuliano Zignani.