(Sesto Potere) – Parma – 25 marzo 2022 – Due ecografi wireless sono il dono che il Distretto 2072 Emilia-Romagna e Repubblica di San Marino del Rotary International fa all’Azienda USL di Parma, nell’ambito dell’iniziativa concordata tra i Rotary club distrettuali.

La strumentazione viene messa a disposizione delle Unità speciali di continuità assistenziale (USCA) del distretto di Parma dunque destinate ai servizi di assistenza domiciliare per accertamenti diagnostici urgenti di patologie prevalentemente cardiache e polmonari, effettuati a casa del paziente (o in struttura protetta). La nuova attrezzatura è particolarmente utile per il medico, chiamato a fare una diagnosi differenziale e quindi a garantire rapidamente la cura appropriata e migliore.  

“Il nostro ringraziamento al Rotary – ha detto Romana Bacchi, sub commissaria sanitaria Ausl Parma in  occasione della cerimonia di ringraziamento – è particolarmente significativo perchè questa donazione è fortemente coerente con i nostri investimenti organizzativi, che prevedono di trasferire sempre più al domicilio dei pazienti le cure appropriate e i nostri professionisti”.

“Grazie alla strumentazione donata – ha aggiunto Antonio Balestrino, direttore Distretto di Parma dell’Ausl – è possibile migliorare notevolmente la qualità delle diagnosi e ridurre ulteriormente il rischio di ricoveri ospedalieri non appropriati, intervenendo al domicilio dei pazienti con professionisti in possesso di specifiche competenze per utilizzare al meglio questi nuovi strumenti”.

“Dopo aver messo a disposizione per i figli di famiglie bisognose una serie di dispositivi indispensabili per frequentare la scuola con la didattica a distanza – ha concluso Stefano Spagna Musso, Governatore del Rotary club Distretto 2072 Emilia-Romagna e Repubblica di San Marino – quest’anno abbiamo ritenuto di proseguire nel sostengo all’innovazione digitale di persone e istituzioni concentrandoci sulle cure domiciliari, un ambito della sanità in cui gli investimenti ci sono sembrati particolarmente necessari.

I due ecografi, del valore complessivo di 11.000 euro, sono particolarmente maneggevoli, possono trasmettere dati e immagini a distanza e assicurano un utilizzo flessibile in relazione alla casistica prevalentemente trattata dai medici USCA. Il professionista sanitario potrà contare così su un’attrezzatura compatta e facile da trasportare e al contempo in grado di migliorare l’accuratezza diagnostica.

Costituite su tutto il territorio nazionale nel 2020 durante i mesi più critici della pandemia, le USCA garantiscono l’assistenza al domicilio a chi è affetto da Covid-19. Oggi, nel distretto di Parma, l’attività è garantita da 4 medici, nell’arco di 12 ore diurne. Solo negli ultimi mesi – da dicembre 2021 a febbraio 2022 – le prestazioni assicurate sono state oltre 1.600 e vanno dalle consulenze telefoniche di monitoraggio dello stato di salute del paziente, all’attività di prevenzione, con la somministrazione domiciliare del vaccino, alla diagnosi e cura.

Il servizio garantito dalle USCA continua anche oltre il 31 marzo prossimo, data fissata per la conclusione dello stato di emergenza sanitaria, seppur in modo rimodulato in base alle necessità.

Alla cerimonia per la consegna delle apparecchiature, che si è tenuta venerdì 25 marzo, erano presenti per l’Azienda USL, Romana Bacchi, Sub Commissaria sanitaria, Antonio Balestrino, Direttore del distretto di Parma, Daniele Mamo, medico USCA; Stefano Spagna Musso, Governatore del Distretto del Rotary 2072 Emilia-Romagna e Repubblica di San Marino, Valentina Dell’Aglio Assistente del Governatore per l’area emiliana 2 e Salvatore David, membro della Commissione distrettuale Sanità e Telemedicina del Rotary.