Risse a Cervia e Cesenatico. Pompignoli pronto a convocare in Regione: Gozzoli, Medri e Corsini

0
290

(Sesto Potere) – Cesenatico – 19 giugno 2021 – Il Presidente della prima commissione regionale, con delega anche alla polizia locale, sicurezza delle città e del territorio, il leghista Massimiliano Pompignoli, si dice pronto a convocare, in seduta straordinaria, i Sindaci di Cesenatico Matteo Gozzoli e Cervia Massimo Medri per discutere dell’emergenza sicurezza che sta mettendo a dura prova la sostenibilità delle località turistiche romagnole dopo lunghi mesi di restrizioni.

La richiesta, inoltrata al Presidente Pompignoli dal gruppo consiliare della Lega, è stata indirizzata anche al Presidente della Commissione III, con delega al governo del territorio.

“Vista l’escalation di aggressioni, risse e scontri tra bande e gruppi di minori – afferma Pompignoli – nel territorio del Comune di Cesenatico e in quello del Comune di Cervia, associata alla mancata riattivazione dei presidi estivi della Polizia di Stato, che rischia di compromettere non soltanto i fragili equilibri di ordine pubblico ma anche la gestione della ripartenza e i crescenti flussi turistici, ritengo opportuno che i vertici del Sindacato Unitario Lavoratori Polizia Locale, il Sindaco del Comune di Cervia, Massimo Medri, il Sindaco del Comune di Cesenatico, Matteo Gozzoli e l’Assessore regionale al turismo, Andrea Corsini, vengano il prima possibile in commissione a relazionare sulla vicenda e sulle soluzioni da adottare per assicurare la sicurezza di questi luoghi”.

“Quella che stanno vivendo le località di Cervia e Cesenatico” – commenta Pompignoli – “è una situazione delicatissima, dovuta a molteplici fattori, che rischia, se mal gestita, di ipotecare la ripartenza della stagione estiva. Per questa ragione, e con la volontà di affrontare insieme un fenomeno trasversale e pericolosissimo come quello delle baby gang, auspico che entrambi i Sindaci interpellati e l’Assessore Corsini accolgano il mio invito a presentarsi in commissione. L’individuazione di soluzioni concrete e sostenibili per sanare situazioni di pericolo e fragilità nei nostri territori, non può che essere trovata insieme, nell’interesse assoluto e prioritario delle nostre comunità.”