Rimini, ricercato arrestato prima che compia una rapina

(Sesto Potere) – Rimini – 9 ottobre 2019 -Nella serata di lunedì il personale della polizia di Stato  della questura di Rimini è intervenuto a San Giuliano dove era stata segnalata un’animata lite in strada. La pattuglia delle Volanti, al suo arrivo in via Vendemini ha notato una persona a terra che veniva trattenuta a stento da un uomo.

Riportata la calma è emerso che il signore che aveva acciuffato il ladro, intorno alle 22.30, quando si trovava davanti alla propria abitazione aveva sentito dei rumori sospetti provenire dalla sua auto parcheggiata in strada e poi un tonfo provocato da un vetro spaccato. Accorso nei pressi del suo veicolo l’uomo aveva sorpreso il ladro che cercava di allontanarsi dall’automobile danneggiata e lo ha affrontato. Il malvivente, vistosi scoperto, ha cercato di minimizzare la cosa garantendo all’uomo di ripagargli tutti i danni se non avesse chiamato la polizia.

Nel frattempo, un amico della vittima che aveva assistito alla scena, telefonava al 112 facendo accorrere una pattuglia della polizia di Stato. Alla vista dei lampeggianti, il giovane, un 24enne di origine egiziana, ha tentato la fuga.

Il personale della Questura, dopo aver riportato la calma, ha perquisito il ragazzo e lo ha trovato in possesso di alcune monete, delle cuffie Apple una tessera carburante e un cacciavite con il quale aveva infranto il finestrino. Oramai alle strette, il malvivente ha confessato di aver messo a segno un altro colpo ai danni di un’auto parcheggiata poco lontano. Rintracciato il proprietario, quest’ultimo ha riconosciuto nella refurtiva gli oggetti di sua proprietà.

Il giovane è stato quindi portato in Questura dove, grazie al fotosegnalamento, è emerso che si trattava di un egiziano 24enne già noto alle forze dell’ordine e con numerosi alias. Dalla banca dati è anche spuntato un mandato di cattura in quanto il nordafricano, clandestino in Italia e inottemperante a un ordine di espulsione del Questore di Rimini, era ricercato per dover scontare 1 anno e 6 mesi di reclusione dovuto ad un cumulo di pene per spaccio, lesioni e rapina. Lo straniero è stato quindi arrestato sia per la rapina impropria di San Giuliano che per l’esecuzione del mandato di cattura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *