Rimini, denunciato falso medico omeopata che vendeva preparati contro il Covid

0
205

(Sesto Potere) – Rimini – 6 aprile 2021 – I Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Rimini hanno denunciato alla locale Procura della Repubblica un soggetto che, facendo intendere di essere in possesso delle abilitazioni per esercitare la professione di medico chirurgo omeopata – fitoterapeuta, nonché di ricercatore biodinamico, esercitava abusivamente la professione a scapito degli ignari pazienti.

L’attività di indagine, svolta da militari del dipendente Nucleo P.E.F. fin dai primi giorni del mese di marzo 2021, ha permesso di individuare alcuni clienti e di ascoltare in atti gli stessi, rilevando che il falso medico spediva in contrassegno, a numerose persone, “polverine magiche” a base di comuni erbe, ingenerando erroneamente nei pazienti il convincimento che assumendo le stesse avrebbero curato i loro mali, tra cui il Covid 19 o non lo avrebbero contratto.

tribunale di Rimini

Il falso professionista, all’esito della preliminare attività di indagine, veniva denunciato alla locale Procura della Repubblica per abusivo esercizio della professione medica e per il reato di truffa. Il Pubblico Ministero Dott. Davide Ercolani, preso atto delle indagini svolte e acquisito anche il filmato mandato in onda in data 1° aprile 2021 nel corso della trasmissione televisiva “Striscia la notizia”, emetteva Decreto di perquisizione locale e sequestro, che veniva eseguito il 2 aprile dalle fiamme gialle riminesi.

L’attività svolta ha permesso di rinvenire e sequestrare i preparati del sedicente medico, tra cui quello per il Covid-19, che ora saranno analizzati per individuarne il contenuto. Sequestrata anche la documentazione sulle spedizioni e i corrispettivi percepiti, ammontanti da una prima speditiva ricognizione, a migliaia di euro al mese. L’indagato non è stato in grado di esibire alcun attestato professionale e/o laure abilitanti l’esercizio di pratiche medico-sanitarie.

Eventuali parti offese potranno contattare la sala operativa del comando provinciale della Guardia di finanza di Rimini per sporgere eventuali denunce – querele o riferire circostanze utili alle indagini.