Riforma quartieri. Cintorino: Pronti a confrontarci con proposte opposizione

0
296

(Sesto Potere) – Forlì, 30 novembre. “Alla luce delle numerose osservazioni e degli altrettanti emendamenti pervenuti in mattinata, abbiamo deciso, d’intesa con i capigruppo di maggioranza e opposizione, di rinviare la discussione della delibera di consiglio riguardante il nuovo regolamento dei quartieri.”: ad annunciarlo in apertura di consiglio è stata l’assessore con delega al decentramento, Andrea Cintorino (nella foto in alto) , il tema era stato trattato in tempo reale anche dal Gruppo comunale del Pd che aveva sottolineato come fosse stato  Giorgio Musso, il nuovo segretario e direttore generale del Comune di Forlì, a richiedere un rinvio della trattazione dell’argomento a nuova seduta di consiglio.

“La volontà dell’Amministrazione comunale di andare incontro alle richieste dei territori, laddove compatibili con gli obiettivi strategici di mandato, e di confrontarsi in maniera costruttiva con le opposizioni, senza pregiudizio e senza alcuna preordinata ostilità. In queste ore ci sono pervenute varie proposte di emendamento” – spiega l’assessore Cintorino in una nota – “alcune delle quali meritevoli di accoglimento e di un maggiore e trasversale approfondimento. Un approfondimento che si rende necessario, soprattutto per alcune tematiche, per recepire nell’articolato i suggerimenti pervenuti e apportare migliorie tecniche e sostanziali allo scheletro originario della delibera consiliare”.

“Con lo stesso spirito che ci ha spinto a ragionare in maniera corale sui contenuti del nuovo regolamento di polizia urbana ai fini di una sua più ampia condivisione possibile, ancora una volta ci dimostriamo disponibili al confronto e ad una trattazione ancora più ampia e partecipata del nuovo regolamento dei quartieri. L’auspicio” – conclude il comunicato dell’assessore comunale – “è che la buona volontà di questa Amministrazione si coniughi con un atteggiamento altrettanto costruttivo dei gruppi di minoranza nell’interesse, assolutamente prioritario, di tutta la comunità forlivese.”