Riccione, nuovo pulmino per trasporto disabili e anziani

0
251

(Sesto Potere) – Riccione – 17 dicembre 2020 – E’ stato consegnato ieri al Comune di Riccione, un pulmino Fiat, nove posti con pedana trasporto disabili, dall’azienda veneta PMG Italia, società benefit che opera a livello nazionale. Il pulmino è in comodato d’uso gratuito al Comune di Riccione, settore Servizi alla Persona e alla Famiglia, per i prossimi 4 anni, grazie alla sponsorizzazione delle aziende riccionesi.

Municipio_Riccione

Per 4 anni, grazie alla solidarietà dimostrata dalle aziende del territorio, il mezzo avrà assicurazione, tagliando, revisione gratuiti. Unico costo a carico dell’Ente pubblico la benzina per il trasporto.

“Società benefit – spiegano Gianluca Palazzetti, responsabile territoriale Enti di PMG e Daniel Bracci, responsabile commerciale PMG – è una società di servizi attiva nel settore sociale e servizi alla persona che nella propria mission ha ciò che si può definire un impatto positivo sul territorio”. PMG, vincitrice di bando per evidenza pubblica emanato dal Comune di Riccione, opera in tutta Italia e questa mattina ha consegnato simbolicamente le chiavi del pulmino al sindaco Renata Tosi, alla presenza del vice sindaco e assessore ai Servizi alla Persona e alla Famiglia, Laura Galli, l’assessore al Bilancio, Luigi Santi e l’assessore ai Lavori Pubblici, Lea Ermeti. Alle numerose aziende del territorio che hanno partecipato al progetto del settore Servizi alla Persona del Comune di Riccione, la PMG consegnerà una pergamena di partecipazione, firmata dal sindaco e dal responsabile dell’azienda. 

“Questo è un esempio ottimo di come la convergenza di varie componenti di una comunità, le aziende private e il Comune, insieme possono produrre qualcosa di altamente positivo per tutti – ha detto l’assessore Galli -. Il mio ringraziamento a quanti hanno voluto partecipare al progetto che ha dotato il servizio di un nuovo mezzo, idoneo al trasporto disabili e anziani. Un dono importante in questo periodo tanto particolare della nostra vita”.