Riccione, blitz polizia locale all’ex hotel Le Conchiglie

0
363

(Sesto Potere) – Riccione – 20 giugno 2020 – La polizia locale di Riccione, a supporto della polizia di Stato, ha sgomberato i locali abbandonati dell’ex Hotel delle Conchiglie e ex colonia Serenella sul lungomare nord di Riccione. Il blitz è stato condotto dai poliziotti della Questura di Rimini e dieci agenti della polizia locale di Riccione. Quattordici le persone identificate, 13 gli stranieri e un italiano. Le loro posizioni sono ora al vaglio della polizia di Stato. Per quanto riguarda i locali dell’ex colonia Serenella, sono stati chiusi e messi in sicurezza, mentre l’area esterna è stata pulita e la vegetazione incolta tagliata.

Il blitz all’ex hotel è scattato anche in collaborazione con la proprietà che sta provvedendo alla demolizione di un fabbricato indipendente nella parte retrostante il corpo principale delle Conchiglie. Fabbricato particolarmente vulnerabile per quanto riguarda gli accessi abusivi. 

Come è noto, la ristrutturazione dell’ex Hotel Le Conchiglie è tra i progetti presentati al bando per manifestazione di interesse, indetto dal Comune di Riccione nel 2019, al fine di agevolare la riqualificazione urbana nella zona a mare della città.

“Un ringraziamento particolare va a polizia di Stato e polizia locale – ha detto il sindaco di Riccione, Renata Tosi -. Questa amministrazione ha sempre avuto attenzione per le politiche che riqualificano la città, in particolar modo nei punti strategici come il lungomare e gli ingressi alla città. Il cammino intrapreso al suo completamento non solo renderà la città più bella, con strutture nuove e funzionali, ma servirà a dare impulso all’economia di Riccione. Con la proprietà dell’ex Hotel Le Conchiglie abbiamo concordato l’abbattimento del fabbricato indipendente nella parte posteriore proprio per eliminare un inutile buco nero. Ovviamente le Conchiglie rientra tra progetti per cui sono stati presentati gli accordi operativi, quindi anche se si demolisce non si perdono i diritti. Così come per gli altri progetti che hanno aderito alle manifestazioni di interesse per cui ci sono gli accordi operativi in itinere non serve essere attaccati ai muri, per così dire, perché i diritti sono fatti salvi”.

“Vorrei ringraziare gli agenti della polizia locale e della questura di Rimini, per il loro lavoro e per la loro collaborazione – ha detto l’assessore alla Sicurezza, Elena Raffaelli -. Il costante monitoraggio del territorio e la collaborazione tra i vari corpi delle Forze dell’ordine rende la città, i cittadini e i turisti, più sicuri”. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here