Riaperture, Fedriga: “Da Regioni ok a linee guida”. Inviata lettera a Draghi

0
1465

(Sesto Potere) – Roma, 16 aprile 2021 “La Conferenza delle Regioni ha aggiornato le linee guida per la riapertura di alcune attività in condizioni di sicurezza e nel rispetto dei protocolli di prevenzione”. Lo annuncia il Presidente Massimiliano Fedriga al termine della riunione (vedi foto in alto). 

 “Si tratta di proposte elaborate dai Dipartimenti di prevenzione delle Regioni su cui chiederemo il parere del CTS che ci auguriamo arrivi il prima possibile – spiega il Presidente della Conferenza delle Regioni – per permettere, in modo progressivo e ferma restando l’applicazione del principio di massima cautela in termini di contenimento della diffusione del Covid-19, al Paese di imboccare la strada del ritorno alla normalità.” 

mario draghi

Il documento licenziato dalla Conferenza tratta nello specifico la ristorazione, le palestre, le piscine, le strutture termali, i cinema e gli spettacoli dal vivo ed è stato trasmesso in forma di lettera al presidente del consiglio Mario Draghi, e per conoscenza ai ministri Roberto Speranza, Dario Franceschini e Maria Stella Gelmini

“Su questo versante – sottolinea Fedriga – il Governo può contare sulla massima collaborazione da parte delle Regioni: riteniamo infatti fondamentale che le istituzioni si muovano di pari passo con i cittadini, superando gradualmente la fase dei divieti e introducendo una nuova stagione di riaperture accompagnate da regole per evitare nuove impennate nella curva dei contagi. Stiamo infine valutando anche altre linee guida – conclude il Presidente della Conferenza delle Regioni – per le ulteriori attività produttive soprattutto in relazione alla revisione e al riscontro dei diversi scenari di rischio. Occorre poi verificare che alcune attività di servizio alla persona, – parrucchieri, estetisti -, attualmente chiuse nelle zone rosse possano con l’attuazione di rigidi protocolli riprendere il loro lavoro in sicurezza”. 

Bozza linee guida: Proposte delle regioni e delle province autonome per la riapertura delle attività dei seguenti settori: Ristorazione – Palestre, piscine e strutture termali – Cinema e spettacoli dal vivo