(Sesto Potere) – Forlì, 19 gennaio. “Il nuovo Regolamento del Corpo di Polizia Locale, in linea con il quadro normativo della Regione Emilia Romagna” – spiega in una nota il gruppo consiliare comunale della Lega – “rappresenta un atto di importanza strategica per il nostro Comune, all’indomani della deliberazione di recesso dall’Unione dei Comuni della Romagna forlivese. Con la riacquisizione della piena titolarità dei servizi conferiti un tempo all’Unione, questa città si riappropria, in particolare, della funzione di Polizia Locale, mettendo in cantiere importanti nuove assunzioni e ricalibrando l’erogazione e le modalità di svolgimento del servizio alle esigenze e alle priorità del territorio forlivese”.

“Si tratta di un regolamento che aggiorna la struttura organizzativa del Corpo, gli strumenti in dotazione agli agenti di pubblica sicurezza, i modelli di esecuzione del servizio e gli standard di svolgimento delle funzioni nuovamente in capo al Comune. È davvero un peccato, dunque, che rispetto a un provvedimento di questa natura, che intende perseguire condizioni ottimali di sicurezza del territorio urbano, i gruppi di minoranza del nostro consiglio comunale si siano espressi in maniera contraria, sconfessando i contenuti e le linee di indirizzo della legge regionale 24 del 2003, promossa e deliberata proprio dal partito democratico emiliano romagnolo.”: conclude il capogruppo Massimiliano Pompignoli.