Regionali, Paglionico (art.1 Forlì): Occorre schierarsi per Bonaccini

0
82

(Sesto Potere) – Forlì – 24 gennaio 2020 – “L’elezione del 26 gennaio, in funzione della legge elettorale che attribuisce la presidenza della regione in un unica tornata al candidato che prende più voti non permette spazi politici per manovrare tra la destra e il centro sinistra. In passato le mie scelte elettorali sono state maggiormente radicali ma oggi la ‘battaglia di via Stalingrado’ non lascia scampo, occorre schierarsi per Bonaccini”: la considerazione è di Pietro Paglionico, membro del direttivo di art.1 Forlì (nella foto).

“Io ho scelto la lista ‘Emilia Romagna Coraggiosa’ ma anche volendo dare il voto ad una delle liste che a sinistra corrono fuori dalla coalizione sarebbe meglio fare il voto disgiunto e mettere la croce sul nome di Bonaccini per non disperdere il voto e non mettere la nostra meravigliosa regione in mano alla destra”: aggiunge.

“Cinquant’anni fa Emilia e Romagna erano poverissime, oggi dopo 50 anni di governo di sinistra siamo la prima regione europea secondo molti indicatori. Spazio di miglioramento ce ne è tanto ma è inutile arretrare su diritti lavoro e sanità in una regione nella quale il differenziale di ricchezza è tra i più bassi e l’accesso ai diritti e il livello delle cure mediche è al top”: elenca Pietro Paglionico.

E con queste premesse e con queste motivazioni il componente del direttivo di art.1 Forlì invita: “tutti i compagni più radicali al voto disgiunto, un voto per cominciare da lunedì 27 gennaio a migliorare sempre più il governo dell’Emilia Romagna”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here