Regionali, Morrone (Lega) replica a Zingaretti (Pd)

0
85
morrone e salvini

(Sesto Potere) – Forlì, 17 gennaio. “La classe non è acqua. O c’è o non c’è. E Nicola Zingaretti proprio non ne è dotato. Attacca Lucia Borgonzoni utilizzando i termini del più vetero pregiudizio contro le donne, attribuendo a Matteo Salvini quelli che, al contrario, sono i suoi arretrati stereotipi. Tipico del PD: strumentalizzare le politiche di genere, ma poi, per tutelare davvero le donne, deve intervenire la Lega. Per non parlare di Stefano Bonaccini, affetto dalla medesima sindrome … “: lo afferma in una nota il deputato Jacopo Morrone, segretario della Lega Romagna, replicando alle dichiarazioni di Zingaretti , rese oggi in conferenza stampa a Forlì.

Morrone Borgonzoni e Salvini

“Caro Zingaretti, non c’è storia. Salvini ha scelto Lucia Borgonzoni perché è donna, perché è intelligente, perché è una leader nata. Una leader che è orgogliosa di identificarsi con la Lega e non ha timori a mostrarsi come è. Non altrettanto si può dire di Bonaccini che ha nascosto fino all’ultimo il simbolo PD perché considerato perdente e ha diffidato gli esponenti dell’attuale Governo e della classe dirigente del PD a presentarsi in Emilia e Romagna se non in modo dimesso e senza fanfare”: aggiunge Morrone.

“Per non dire di Zingaretti, che ha annunciato in piena campagna elettorale di voler sciogliere il PD. Evidentemente un soggetto politico considerato ormai obsoleto, impopolare e senza argomenti dai suoi stessi massimi dirigenti. Ci chiediamo quindi perché gli elettori dovrebbero votare scientemente un partito ormai in rottamazione e un candidato che ha speso tutta la sua carriera politica in quel partito dato per spacciato? Il vero problema, caro Zingaretti, è che il PD cambia sigla ma non sa rinnovarsi. Non sapete fare altro che insultare, demonizzare e disinformare. E così non si va molto lontano”: conclude Jacopo Morrone.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here