Regionali, Elisa Deo: C’è chi ha giocato sporco, annullate 60 preferenze

(Sesto Potere) – Galeata – 27 gennaio 2020 – Elisa Deo, sindaco di Galeata, ha ottenuto 782 voti, come candidata nella lista Bonaccini Presidente, commenta così l’esito del voto alle Regionali: “Ho sostenuto Stefano Bonaccini fin dall’inizio, con il vento contro, sono stata una dei tanti Sindaci che l’ha appoggiato pur non essendo del suo partito. Anzi, a Galeata il PD è all’opposizione da tre legislature così come la Lega (nonostante il cdx sia primo da 10 anni a livello locale). Una ragione per tutto questo c’è ed è chiara: le persone fanno la differenza sempre e questa è la dimostrazione sia a livello locale che regionale”.

“Da sola, mettendoci la faccia, senza apparato e senza fare campagna elettorale (ho passato gli ultimi mesi murata in ospedali con tutta la famiglia), a Galeata ho ottenuto 120 preferenze personali. Erano molte di più, ma in circa 60 schede la preferenza ad Elisa Deo è stata annullata perché tutte a fianco di un simbolo sbagliato: guarda caso quello del PD.
In maniera cinica ed imbrogliona “il gatto e la volpe” locali avevano dato indicazione a coloro che volevano sostenermi di barrare il simbolo PD e scrivere Deo. In questo modo il voto al PD è rimasto valido e la mia preferenza annullata”: evidenzia Elisa Deo.

Poco male, il voto è confluito comunque su Bonaccini… Ma ancora una volta certi soggetti hanno dimostrato quanto sono infami soprattutto nei confronti degli elettori. Giocare sporco per dimostrare di avere consensi quando invece si utilizza con l’inganno il consenso e la credibilità degli altri è deplorevole. I Galeatesi, che ringrazio di cuore, anche questa volta erano stati chiari. Certi personaggi non li vogliono a mano… Che sia giunto il momento anche per la segreteria PD provinciale di intervenire e cacciare certi soggetti a calci in culo??? Forse una ragionata meriterebbe che la facessero se non vogliono continuare a perdere! Perché se ancora non l’hanno capito… la differenza la fanno le persone!!!”: è lo sfogo del sindaco di Galeata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *