Regionali E-R, voti a Bonaccini da M5S e Fi

(Sesto Potere) – Bologna – 29 gennaio 2020 – Con una crescita di oltre 8 punti rispetto alle Europee del maggio scorso, dal 39,5 al 48%, il Centro Sinistra ha vinto le elezioni regionali in Emilia Romagna, ottenendo la conferma del Governatore uscente e superando la coalizione delle liste di Centro Destra, di fatto stabile intorno al 45%. In calo, dal 13 al 4,8% il Movimento 5 Stelle.   


L’analisi delle variazioni elettorali, effettuata dall’Istituto Demopolis, vede un incremento dei voti per il Partito Democratico, dai 535 mila delle Regionali 2014 ai 700 mila delle Europee sino ai 750 mila odierni. La Lega di Salvini, dopo aver quasi triplicato i consensi dal 2014 alle Europee del maggio scorso, ottiene oggi in Emilia Romagna 690 mila voti, perdendo 70 mila elettori negli ultimi mesi. 


Demopolis ha studiato la provenienza del consenso a Stefano Bonaccini, rispetto al voto espresso alle ultime Europee: su 1 milione e 200 mila elettori odierni di Bonaccini, 57 su 100 avevano già votato il PD nel maggio scorso. 13 avevano optato per altre liste di Centro Sinistra. 3 avevano scelto Forza Italia. 11 elettori su 100 avevano votato alle Europee il Movimento 5 Stelle. Il flusso elettorale più significativo, 16 su 100, giunge da quanti nel maggio scorso si erano astenuti, confermando una forte motivazione a recarsi alle urne dell’elettorato di Centro Sinistra, attribuibile in buona parte anche all’azione del movimento delle Sardine.  


“Il netto successo di Bonaccini su Lucia Borgonzoni – spiega il direttore di Demopolis Pietro Vento – si è caratterizzato anche per la forte incidenza del voto personale e disgiunto”. Il neo Governatore ha ottenuto 156 mila voti in più delle liste della propria coalizione, frutto in parte di un consenso personale al solo Presidente, ma anche in parte di un voto proveniente da quanti hanno scelto contestualmente una lista degli schieramenti avversi. 


L’Istituto diretto da Pietro Vento ha verificato infine, per il programma Otto e Mezzo, la percezione dell’opinione pubblica sul significato della competizione elettorale: per il 45%, la maggioranza relativa degli intervistati da Demopolis, il voto in Emilia Romagna assume oggi una valenza nazionale; per il 22% l’assume solo in parte. Per un terzo degli italiani, invece, si è trattato soltanto di una sfida regionale. 

Nota informativa 
L’analisi post elettorale sul voto per le Regionali in Emilia Romagna è stata effettuata dall’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento, per il programma Otto e Mezzo (LA7)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *