Regionali, Bonaccini: In caso di vittoria nuovo Patto sul lavoro e Patto per il Clima

0
117

(Sesto Potere) – Forlì – 24 gennaio 2020 – Preceduto da uno spettacolo di  Alberto Bertoli e Mirko Casadei  , e poi un intervento satirico di Gene Gnocchi, è intervenuto sul palco del PalaFiera di Forlì il governatore uscente e ricandidato del centrosinistra Stefano Bonaccini, per la chiusura della campagna elettorale.

“Pensate , quando andrete al voto, che in campo ci sono due idee diverse, la nostra si chiama Emilia-Romagna, la loro Lombardo-Veneto. Due bellissime regioni , per carità, ma che non cambieremo mai per l’Emilia-Romagna”: ha detto fra l’altro Bonaccini.

In apertura Bonaccini aveva ricordato del suo intervento oggi al sacrario dei caduti di Marzabotto.

“Mi sono concesso un momento di silenzio e un fiore per ricordare le tante vittime innocenti delle stragi nazifasciste e l’altissimo prezzo di sangue pagato da questa regione per la libertà e la democrazia. Queste sono le nostre radici , i nostri valori”.

E prima ancora Bonaccini aveva visitato, nelle ultime ore di campagna elettorale , il nuovo asilo nido di Monghidoro , nell’Appennino bolognese, dove per la prima volta , anche grazie ai fondi regionali ha aperto una struttura per l’infanzia , con il Comune che ha aderito al piano regionale per abbattere le rette.

Un intervento nel quale Bonaccini ha parlato di voler chiudere, continuando nella politica virtuosa della raccolta porta a porta e nel riciclo dei rifiuti, anche l’inceneritore di Forlì, dopo che ne sono stati chiusi altri due e come primo atto in caso di vittoria la riconferma del Patto del Lavoro e l’attivazione di un Patto per il Clima.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here