Regionali 2020, appello al voto di Tullia Bevilacqua (Ugl Emilia-Romagna)

0
87
Tullia Bevilacqua

(Sesto Potere) – Bologna – 24 gennaio 2020 – Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di Tullia Bevilacqua , segretario generale regionale Emilia-Romagna del sindacato confederale Ugl, in vista dell’appuntamento elettorale di domenica 26 gennaio. Si tratta di un vero e proprio appello al voto:

Tullia Bevilacqua

“Quella delle elezioni regionali in Emilia Romagna del 26 gennaio 2020 non sarà una consultazione come le altre:  per gli effetti che potrebbe produrre si  trasformerebbe  in uno snodo politico non soltanto locale, ma soprattutto nazionale.  Perché è più che evidente che una vittoria del centrodestra in Emilia-Romagna avrebbe  una risonanza tale che potrebbe  influenzare in modo decisivo le sorti dell’attuale esecutivo.

Sì perché il voto in una delle regioni che trainano la ripresa nel nostro Paese, dopo più di mezzo secolo di amministrazione (quasi) monocolore,  rappresenterebbe un chiaro segnale di sfiducia nei confronti di un sistema che a Bologna, come a Roma con il governo Pd/5stelle/Conte si regge su una stessa filosofia, uno stesso tessuto di ideali, quelli del centrosinistra.

 Ed una vittoria del centrodestra in una delle parti più avanzate e produttive del nostro Paese sarebbe un campanello d’allarme che dovrebbe far riflettere una classe dirigente , sempre quella del centrosinistra, che in tempi recenti ha tenuto a smorzare in Emilia-Romagna come al governo del Paese, i casi sociali , politici ed economici più eclatanti: dalle grandi crisi aziendali , allo scandalo degli affidi a Bibbiano, dalle politiche di integrazione a quelle della sicurezza.

E’ più che evidente che come sindacato auspichiamo che una maggiore  sensibilità sociale, che conclamate esperienze e  capacità amministrative vengano messe al servizio del popolo , dei lavoratori , delle famiglie, dei cittadini dell’Emilia-Romagna per risolvere i  problemi che ogni giorno devono affrontare.

Nell’auspicio  che venga definita e supportata con le risorse necessarie quella da noi sempre invocata e necessaria politica industriale vincente e partecipata che consenta di rilanciare definitivamente l’economia e sostenere il tessuto imprenditoriale locale composto in gran parte da piccole e medie imprese, quelle più esposte alla crisi ed alla speculazione internazionale, anche nella nostra “ricca“ Emilia-Romagna.

 Con queste premesse, invitiamo i nostri associati, i simpatizzanti, i cittadini dell’Emilia Romagna a non astenersi dal decidere, ed a comprendere che si tratta di un appuntamento elettorale importante.

Come  Ugl chiediamo che chi sarà chiamato a governare la nostra regione abbia  un’attenzione particolare nei confronti dell’occupazione, dei lavoratori, dei giovani e dei pensionati che sono le categorie maggiormente colpite dal disagio sociale in cui versa il nostro Paese.

 Come sindacato in qualità di corpo intermedio  garantiamo che lavoreremo  al fianco del nuovo presidente per trovare insieme soluzioni concrete volte a consolidare i traguardi raggiunti e far decollare i nostri migliori comparti, le nostre eccellenze, forti della nostra creatività e valorizzando la nostra storica e celebrata in tutto il mondo : laboriosità”.   

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here